quali premi utilizzare per l addestramento del cane

Quali premi utilizzare per l’addestramento del cane?

Saper scegliere i giusti premi per il cane è il primo passo per iniziare l’addestramento con lui. Grazie ai premi puoi riuscire a motivarlo a collaborare con te e ad ascoltare ciò che vuoi insegnargli. Quali premi per il cane utilizzare? Te lo spiego in questo articolo.

I premi che puoi utilizzare per gratificare il tuo cane appartengono a quattro tipologie diverse:

  • La voce e la parola di lode, come ad esempio quando gli dici “Bravo!”
  • Il gioco, la pallina o trecce e corde, di vari materiali, con cui fare il tira e molla con lui.
  • Le carezze.
  • I bocconcini di cibo.

Questi quattro premi per il cane possono avere un valore diverso a seconda di cosa gli stai insegnando, di quali sono i suoi gusti e dalla sua età.

  • Il gioco è un premio adatto sia a cuccioli che a cani adulti, ma può rendere il tuo cane molto agitato per l’eccitazione di poter giocare e correre. Quindi conviene usarlo come premio per il cane che esegue un comando che conosce bene. Così facendo, sarà in condizioni di eseguirlo nonostante l’agitazione data dal forte desiderio di voler ottenere il gioco preferito.
  • Carezze e parole di lode sono premi che i proprietari vorrebbero usare di più, perché comode ed economiche. Questi premi per il cane rappresentano un’importante gratificazione, soprattutto se ha già un legame profondo con il proprietario. Dispensate nel modo e col tempismo corretto permettono di mettere le basi per instaurare questa profonda relazione. Non sono premi semplicissimi da utilizzare, in quanto implicano una grande attenzione da parte del proprietario alle reazioni del cane nel ricevere le coccole. Sono bei premi da utilizzare con i cuccioli nella fase di conoscenza reciproca per capire come relazionarsi al cane e quali tipo di carezze lui preferisce.
  • Il cibo rappresenta il premio per il cane più semplice e immediato da usare. In genere sempre gradito, da cuccioli e adulti, soprattutto se diverso dal suo solito alimento. È molto utile quando viene utilizzato nella fase di apprendimento di nuovi comportamenti, perché favorisce la calma e la concentrazione del cane.

In generale, possiamo definirli premi per il cane se anche lui li percepisce come tali, se li desidera, e quindi se è disposto ad impegnarsi e sforzarsi per poterli ottenere. Anche perché è abbastanza ovvio che nessuno sia disposto a fare fatica per ottenere qualcosa che non gli interessa.

Quando gratificare il cane con i premi

I premi per il cane sono degli strumenti validissimi, nel momento in cui decidi di utilizzarli per insegnare un nuovo comportamento o un nuovo esercizio. Se ad esempio vuoi insegnare al tuo cane l’esercizio del richiamo, attraverso il premio, potrai creare un’associazione positiva tra quel comportamento e il premio stesso.

Per farlo, devi avere l’accortezza di premiare il tuo cane tutte le volte che torna verso di te a seguito del tuo richiamo. Così facendo il cane imparerà che rispondere al tuo richiamo è una cosa positiva per lui, perché verrà gratificato per aver esibito quel comportamento.

Questo vale per qualunque comportamento tu voglia insegnare al tuo cane. Tutte le volte che il cane esibisce un comportamento che ti piace e che vorresti ripetesse anche in altre situazioni, premialo. Così facendo gli permetterai di memorizzare il fatto che quel comportamento implica qualcosa di positivo per lui. Il premio che dispensi al tuo cane gli farà capire che ti è piaciuto ciò che lui ha fatto, ma soprattutto che si è guadagnato qualcosa per averlo fatto.

Nel tempo, i comportamenti che hai premiato diventeranno delle abitudini. Solo quando sarai sicuro che il cane ha davvero memorizzato quel comportamento, quell’azione o quel comando, potrai iniziare a pensare di ridurre i premi. Un comportamento è memorizzato se il tuo cane lo esegue in qualunque situazione, in qualunque ambiente a seguito della tua richiesta.

Quando un comportamento insegnato diventa un’abitudine, il premio materiale che inizialmente dispensavi al cane, viene sostituito da un premio di tipo relazionale-emotivo. Ad esempio il piacere della passeggiata insieme, diventa il premio per essersi lasciato mettere con calma collare e guinzaglio; la possibilità di giocare con te a palla o col frisbee o altro, può diventare il premio per essere tornato al richiamo e torna da te; ricevere la ciotola del pasto diventa il premio se si mette seduto tranquillo mentre tu gli prepari il cibo.

Per tutti i comportamenti trasformati in abitudini, il premio per il cane resta, ma viene modificato.

Vuoi farti promuovere ne LeROSA?

Contattaci

Quali caratteristiche devono avere gli snack per il cane?

Abbiamo visto che tra i possibili premi che puoi dispensare al tuo cane ci sono anche quelli in cibo. In commercio ne esistono di diversi tipi e di conseguenza hai la possibilità di trovare sicuramente quello più adatto ai gusti del tuo cane.

Alcune caratteristiche che deve avere il premio che scegli per il tuo cane sono:

  • Essere di piccole dimensioni, ma adeguate alle dimensioni del tuo cane. Il premio per un Chihuahua sarà più piccolo di quello destinato ad un Pastore Tedesco.
  • Deve piacere al tuo cane. Il premio è tale solo se piace al tuo cane. Biscotti e premi secchi sono più comodi da portare in tasca, ma potrebbero non essere graditi dal tuo cane.
  • In generale è meglio usare bocconcini umidi. Questi sono più appetitosi per il cane e più ricchi in acqua rispetto a quelli secchi, risultano quindi anche meno calorici. Essendo umidi, sporcano di più le tasche: meglio munirti di una piccola sacchetta porta premi.

Se ti succede di esagerare nel dare i premi al tuo cane, ricordati di compensare riducendo proporzionalmente la sua razione di cibo. Così facendo eviterai che ingrassi. Ciò che riceve in premio viene decurtato dalla razione giornaliera di cibo.

Se invece il tuo cane soffre di allergie o intolleranze verso alcuni alimenti, cerca di evitarli. Puoi sempre trovare un’alternativa appetitosa ma che nello stesso tempo non crei problemi a livello di reazioni allergiche. Va bene avere un cane bene educato, grazie ai premi, non va bene che venga ottenuto a discapito della sua salute.

Alcune idee per premietti fatti in casa

Se preferisci preparare in casa i premi per il tuo cane, ti do una ricetta veramente semplicissima. Perché siano sani e gustosi per il tuo cane, la cosa più semplice e veloce è quella di seccare in forno della carne. Dopo averla seccata potrai farla in pezzi delle dimensioni giuste per lui.

Procedi in questo modo:

  • Scegli la tipologia di carne che piace al tuo cane e che sai può mangiare senza problemi: ad esempio delle fettine di petto di pollo, o di tacchino o manzo.
  • Mettila in forno a 70-80°C.
  • Dopo circa un’ora, toglila dal forno e tagliala a strisce sottili.
  • Rimetti le strisce in forno per ancora un’ora circa, sempre a bassa temperatura.
  • Lasciale raffreddare.
  • A questo punto dovresti riuscire a rompere queste strisce in bocconcini di dimensioni adeguate alla taglia del tuo cane.

Così seccata la carne si conserva per diversi giorni in un barattolo di vetro. Se lo fai nella stagione calda, puoi anche conservarla in frigo, sempre chiusa in un barattolo di vetro. Puoi anche decidere di farne una buona quantità in modo da avere un po’ di scorta. Una volta pronti, chiudi i bocconcini in un sacchetto e conservali in freezer. Ricordati di lasciarli a temperatura ambiente per un paio d’ore prima di utilizzarli con il tuo cane.

Scegliendo questa tipologia di premio per il tuo cane, sarai tu a scegliere quello più adatto alle sue esigenze, evitando così anche di scatenargli allergie.

Non ti resta quindi che preparare i bocconcini preferiti dal tuo cane, mettere in tasca i giochi che più ama, munirti di carezze e di un bel sorriso e andare a dedicarti a lui insegnandogli qualche nuovo esercizio e contemporaneamente divertendovi insieme.

Vuoi scrivere all’espert* di questo articolo?

Contattaci

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email
Fiorenza Merati

Fiorenza Merati

Da sempre appassionata di ambiente, natura, animali e di cani in particolare. Lavoro coi cani da oltre 15 anni. Ho seguito e seguo corsi e stage sulle diverse tematiche della cinofilia. Ma ciò che più mi interessa e appassiona é la parte emozionale, relazionale e di comunicazione coi cani. Amo lavorare sulla comprensione della parte emozionale del cane, che è quella che sta alla base della relazione con il proprietario. Tutto questo mi ha portato ad avvicinarmi allo studio e alla pratica del metodo della zoofarmacognosia applicata. Un metodo basato sulla PsicoAromaterapia che, attraverso l'uso di oli essenziali e altri rimedi, aiuta il cane nella sua parte più emozionale e ne migliora il benessere.

LeROSA è il mondo che si basa su tre pilastri: Ascoltare Collaborare Sorridere. Scopri come!

QUESTO BLOG NON COSTITUISCE UNA TESTATA GIORNALISTICA.
NON HA CARATTERE PERIODICO ED È AGGIORNATO SECONDO LE DISPONIBILITÀ E LA REPERIBILITÀ DEI MATERIALI.
PERTANTO NON PUÒ ESSERE CONSIDERATO IN ALCUN MODO UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N.62 DEL 2001.

 

Per conoscere tutte le possibilità di collaborazione e promozione della nostra realtà:

I NOSTRI PARTNER

Scoprirecosebelle è il progetto che si occupa del benessere e la felicità di chi lo segue.

Inkalce Magazine non è una semplice rivista, ma uno strumento di marketing che ha scelto noi per raccontare storie di impresa online.

Sostieni la nostra partnership con Crystal Eye Shop acquistando le opere delle nostre LeROSA artiste stampate su magliette, felpe e accessori


E per conoscere la Founder del progetto LeROSA, Giulia Bezzi, esperta SEO e Content Marketing, scegli i libri nei quali sono presenti i suoi contributi:

Sei dei nostri?

vuoi conoscere le nostre attività? Leggi la nostra newsletter.

Iscriviti ora