biodegradabile e compostabile

Biodegradabile e compostabile: glossario ambiente

Questo breve articolo propone una nuova voce per il nostro Glossario Ambiente: parleremo infatti della differenza tra  biodegradabile e compostabile.

Per chi non lo sapesse ancora, questa rubrica è una piccola palestra di ecologia e sostenibilità: alleniamo la nostra sensibilità e la nostra consapevolezza sui temi ambientali partendo dalle parole che usiamo per raccontarli.

Le parole possono essere proiettili, ma possono anche essere squadre di soccorso.
(Jón Kalman Stefánsson)

Biodegradabile e compostabile.

Questi due aggettivi, spesso usati come sinonimi, hanno una differenza sostanziale che è data dal tempo. Conoscerla è fondamentale anche per evitare errori quando si fa la raccolta differenziata : non è detto infatti che ciò che è biodegradabile sia anche compostabile.

Si definisce biodegradabile qualsiasi elemento che, sottoposto all’azione di batteri, luce solare e altri agenti fisici naturali, si scompone in composti chimici semplici come acqua, anidride carbonica, metano.

Di fatto, qualsiasi materiale può biodegradarsi: è solo questione di tempo.
Ed è proprio qui che la normativa europea (EN 13432 del 2002) mette dei paletti: un elemento può essere definito biodegradabile solo se è in grado di decomporsi almeno del 90% entro 6 mesi .

Un materiale compostabile, invece, non è soltanto biodegradabile: degradandosi si trasforma in compost, fertilizzante naturale utilizzabile in agricoltura. E ancora una volta è il tempo a definire (sempre secondo la normativa europea) cosa è compostabile e cosa non lo è: per essere compostabile, un elemento deve decomporsi almeno per il 90% entro 3 mesi .

Il compostaggio può essere praticato a livello domestico, su piccola scala, oppure a livello industriale, utilizzando sia rifiuti organici domestici che rifiuti delle lavorazioni agricole e di altri settori. In questo caso, è necessario che avvenga in impianti dedicati, in grado di garantire la corretta gestione del processo.

Possiamo usare i sacchetti della spesa per la raccolta del rifiuto organico?

Usare i sacchetti della spesa per la raccolta del rifiuto organico è possibile, ma soltanto se

  • riportano entrambe le definizioni, “Biodegradabile e compostabile”;
  • fanno riferimento alla norma europea (UNI EN 13432:2002);
  • hanno almeno un simbolo di un ente certificatore.

Se invece il sacchetto riporta soltanto la scritta “biodegradabile” va smaltito assieme alla plastica.

Conoscevi già questa differenza? Non è così improbabile.

Secondo l’edizione 2018 del Rapporto Rifiuti Urbani di ISPRA, infatti, noi italiani ce la caviamo piuttosto bene con la raccolta differenziata. Ricicliamo già ora il 67,5% degli imballaggi, quando le direttive europee più recenti hanno fissato come obiettivo il 65% entro il 2025.

La sfida che ci aspetta è fare ancora meglio.

Vuoi saperne di più sul progetto LeROSA e collaborare con noi?

Contattaci

[Photo by Paweł Czerwiński on Unsplash]

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email
Michela Poles

Michela Poles

Mi chiamo Michela e, pur essendo nata nello scorso millennio, non ho ancora smesso di sognare un mondo migliore, e di amare il mondo in cui vivo. Ho un marito, una figliastra, due cani, un gatto, una tartaruga, e un orto di trenta metri quadri. Avevo anche un lavoro in azienda, nell'area della comunicazione, ma l’ho lasciato perché non mi assomigliava più: mi assomiglia di più l’orto.

LeROSA è il mondo che si basa su tre pilastri: Ascoltare Collaborare Sorridere. Scopri come!

QUESTO BLOG NON COSTITUISCE UNA TESTATA GIORNALISTICA.
NON HA CARATTERE PERIODICO ED È AGGIORNATO SECONDO LE DISPONIBILITÀ E LA REPERIBILITÀ DEI MATERIALI.
PERTANTO NON PUÒ ESSERE CONSIDERATO IN ALCUN MODO UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N.62 DEL 2001.

 

Per conoscere tutte le possibilità di collaborazione e promozione della nostra realtà:

I NOSTRI PARTNER

Scoprirecosebelle è il progetto che si occupa del benessere e la felicità di chi lo segue.

Inkalce Magazine non è una semplice rivista, ma uno strumento di marketing che ha scelto noi per raccontare storie di impresa online.

Sostieni la nostra partnership con Crystal Eye Shop acquistando le opere delle nostre LeROSA artiste stampate su magliette, felpe e accessori


E per conoscere la Founder del progetto LeROSA, Giulia Bezzi, esperta SEO e Content Marketing, scegli i libri nei quali sono presenti i suoi contributi:

Sei dei nostri?

vuoi conoscere le nostre attività? Leggi la nostra newsletter.

Iscriviti ora