Tobatanksettoreaccessorieabbigliamentomoto

To.Ba Tank, settore accessori e abbigliamento moto

To.Ba Tank è la prima cover per caschi jet al mondo. Una vera e propria eccellenza del made in Italy, nel settore accessori e abbiagliamento moda, visto che, a maggio 2020, si è aggiudicata il Design Award Competition per la categoria accessori da viaggio sebbene il prodotto rientri a tutti gli effetti nella categoria accessori e abbigliamento moto. Il casco serve a proteggerci, ma chi protegge il nostro casco? E’ da questa intuizione di Enrico Enrieù, odontotecnico torinese con attenzione ai particolari e senso estetico, che nasce To.Ba Tank, il primo porta casco al mondo in grado di trasformarsi in sacca e zaino. Il tutto, rigorosamente made in Italy. Insomma, un accessorio che non può assolutamente mancare al motociclista addicted che cerca la comodità nella mobilità urbana.  

Chi è To.Ba Tank

To.Ba Tank non è un semplice sacchetto, ma una borsa-zaino di design bella e pratica, una cover per il casco jet. Obiettivo dell’azienda torinese è, infatti, quello di far sì che ogni casco jet al mondo abbia il suo To.Ba esattamente come ogni smartphone oggi è abbinato ad una cover di protezione.

Ma cosa significa casco jet? Il casco jet è un casco aperto, pratico e comodo soprattutto in estate, quando le temperature alte scoraggiano l’utilizzo dell’integrale; è dotato di visiera che si allunga fino al mento e cuscini interni, ma è privo di mentoniera. E’ consigliato soprattutto per la mobilità urbana, per muoversi per le strade cittadine. Un ottimo alleato anche in caso di monopattino elettrico, specialmente nel caso entri in vigore la legge che impone l’obbligo del dispositivo di protezione per ogni veicolo di questo genere. To.Ba (Torino-Barcellona, le città che per i fondatori hanno il significato più grande) Tank (serbatoio) nasce da un’esigenza personale del suo fondatore: trovare una sistemazione al dispositivo una volta scesi dalle due ruote e, allo stesso, poterlo trasformare in un vano porta-oggetti in sicurezza, senza il rischio di perdere averi preziosi. I Toba, inoltre, hanno un’anima green ed eco-compatibile dal momento che sono composti con tessuti di recupero e materiali di riciclo rigorosamente idrorepellenti.

  • Tessuti di recupero. Attraverso alcune aziende, Enrico Enrieù ed Emanuela Zaniboni recuperano tessuti che altrimenti andrebbero bruciati. In questo modo il materiale prende nuova vita e si evita inquinamento nell’aria. Si tratta, oltretutto, di “scarti” di aziende di alta moda quotate in borsa a garanzia di qualità e bellezza che vanno a definire sia gli esterni sia gli interni del prodotto.
  • Tessuto di riciclo: processo reso possibile grazie ad una fabbrica che recupera il filato da un’altra azienda attraverso il riciclo della plastica. Ci vogliono otto bottiglie, infatti, per fare un ToBa; su ogni etichetta di ciascun ToBa è indicato il numero di produzione: questo permette di capire quante bottiglie sono state riutilizzato, facendo in modo che non finissero nell’ambiente. Non solo: le aziende con cui la ditta lavora sono tutte piemontesi e, di conseguenza, a Km/0.

Vuoi farti promuovere ne LeROSA?

contattaci

Accessori e abbigliamento moto: caratteristiche

Sicurezza, comodità ed eleganza: sono queste le tre caratteristiche indispensabili per l’acquisto di accessori e abbigliamento moto. Un capo d’abbigliamento per la moto forse non deve essere per forza bello, ma deve essere necessariamente sicuro per proteggere il motociclista da scontri e cadute e, di certo, deve essere comodo; due qualità che appartengono anche al To.Ba che può essere indossato come zaino in sella alla due ruote o riposto nel vano porta casco qualora si parli di scooter o in presenza di bauletti. Se poi l’accessorio è impermeabile, ancora meglio: immaginiamo la fatica di procedere sull’asfalto ad andatura spedita inzuppati d’acqua fino alle ossa.

Tra i più giovani sicuramente l’attrattiva maggiore sono gli accessori e l’abbigliamento personalizzato, mentre il pubblico più esperto è attratto da abbigliamento tecnico ed accessori di qualità che incrementino le prestazioni e garantiscano massima sicurezza durante la guida ed in caso di incidenti.

Il To.Ba è unisex?

Quando si dice che la versatilità è uno dei valori aggiunto di un prodotto come il To.Ba, si intende anche nella sua capacità di adattarsi a stili differenti, sia in termini di look e di outfit sia per quanto riguarda lo stile di vita di chi lo sceglie. Il To.Ba, anche grazie alle sue varie texture, si predispone come l’accessorio giusto per ogni uomo, per ogni donna, per ogni universitario, per ogni ragazza: è l’accessorio di un uomo che vuole preservare l’eleganza del suo completo da ufficio, abbinando a quest’ultimo una borsa capace di essere comoda, sì, ma anche di tendenza e che, grazie alle sue varie forme per essere indossato, non deforma in nessun modo gli abiti; è l’accessorio giusto di una donna che, una volta parcheggiato il suo due ruote, vuole sentirsi sicura nel trasportare tutti i suoi oggetti personali e, soprattutto, non vuole passeggiare o presentarsi in caffetteria con il casco in mano né, tantomeno, con le antiestetiche sacche portacasco.

Il To.Ba è l’accessorio giusto di uno studente universitario che vuole sentirsi facilitato nel trasportare il casco e i suoi oggetti tra il carico di libri e materiali; è l’accessorio giusto di una ragazza che, scesa dal suo scooter, raggiunge a piedi le sue amiche e, nel mentre, grazie all’apposito passaggio per le auricolari, ascolta la sua musica in tranquillità.

To.Ba è personalità, carisma: abbandonare le sacche portacasco non è solo un valido aiuto alla propria quotidianità, al proprio movimento, è anche la scelta giusta per chi vuole distinguersi e vuole farlo con un colpo d’occhio, al primo impatto. Il To.Ba, infatti, è un progetto unico nel suo genere: chi indossa un To.Ba, a tracolla, in spalla, o portato a mano, può essere certo che, come per i migliori accessori esistenti al mondo, quella borsa sarà inconfondibile. Non si tratta di indossare un portacasco: si tratta di scegliere il To.Ba.

Scegli Inkalce Magazine per informarti

Abbonati

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email
Michela Trada

Michela Trada

Esperta in Brand Journalism e strategie editoriali; direttore di Inkalce Magazine, Ceo di Brainding edizioni.

LeROSA è il mondo che si basa su tre pilastri: Ascoltare Collaborare Sorridere. Scopri come!

QUESTO BLOG NON COSTITUISCE UNA TESTATA GIORNALISTICA.
NON HA CARATTERE PERIODICO ED È AGGIORNATO SECONDO LE DISPONIBILITÀ E LA REPERIBILITÀ DEI MATERIALI.
PERTANTO NON PUÒ ESSERE CONSIDERATO IN ALCUN MODO UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N.62 DEL 2001.

 

Per conoscere tutte le possibilità di collaborazione e promozione della nostra realtà:

I NOSTRI PARTNER

Scoprirecosebelle è il progetto che si occupa del benessere e la felicità di chi lo segue.

Inkalce Magazine non è una semplice rivista, ma uno strumento di marketing che ha scelto noi per raccontare storie di impresa online.

Sostieni la nostra partnership con Crystal Eye Shop acquistando le opere delle nostre LeROSA artiste stampate su magliette, felpe e accessori


E per conoscere la Founder del progetto LeROSA, Giulia Bezzi, esperta SEO e Content Marketing, scegli i libri nei quali sono presenti i suoi contributi:

Sei dei nostri?

vuoi conoscere le nostre attività? Leggi la nostra newsletter.

Iscriviti ora