La zucca: proprietà, storia e ricetta

La zucca, una delle cose più belle di quando arriva l’autunno!

Per le sue proprietà, la sua storia antichissima e soprattutto per le numerosissime ricette in cucina che fanno di questo ortaggio uno dei più amati.

La zucca è uno dei pochi alimenti gustosi, ricchi di proprietà nutritive salutari e pure dietetica, visto che ha pochissime calorie, nonostante la dolcezza. Da tanti anni è anche il simbolo di Halloween che, nonostante sia una festa anglosassone, anche se ha origini molto più antiche ed estese anche all’Europa, ormai è diventata anche da noi una ricorrenza molto amata dai bambini.

In una ricorrenza triste, la zucca porta allegria, come visitare un campo di zucche porta il buonumore.

Con il termine “zucca” si vogliono identificare diversi ortaggi della famiglia delle Cucurbitacee, una famiglia di piante annuali, rampicanti o a portamento cespuglioso, la stessa dei cetrioli, delle zucchine, del melone e dell’anguria.

Ne esistono 500 varietà ma di queste solo 5 sono commestibili, la zucca da orto o zucchina, la zucca muschiata, la zucca gigante, l’Ayote e la zucca del Siam.

Nel periodo delle festività dei morti, si trovano in vendita anche zucche che hanno solo una funzione ornamentale, è quindi molto importante fare attenzione perché possono causare intossicazioni anche di una certa entità.

La raccolta delle zucche avviene tra settembre e novembre. In Italia vengono coltivate da nord a sud perché si adattano bene a qualsiasi tipo di clima e le più conosciute sono la Mantovana Pat, la Delica, la Marina di Chioggia PAT, la Lunga di Napoli e la Violina, tipica di Ferrara.

Accanto a queste ce ne sono altre, gustose e di ottima qualità, che si trovano facilmente nei supermercati come la Musquée de provence, Le Butternut, l’Hokkaido, la Zucca spaghetti, l’americana Table Gold e l’Iron Cup, ognuna con i propri profumi, sapori e utilizzo in cucina.
A tavola la zucca è uno degli ortaggi più versatili da utilizzare, la si può preparare nelle maniere più disparate, negli antipasti, come focaccie e frittelle salate, nei primi piatti, come lasagne, gnocchi e risotti, nei secondi abbinata alla carne, alle uova o nelle parmigiane, e infine nei dolci come nelle torte, crostate, muffin e plumcake.

Proprietà

Le proprietà di una zucca sono davvero tante: è ricca di nutrienti e allo stesso tempo povera di calorie, quindi perfetta nelle diete ipocaloriche.

Se mangiata nelle giuste quantità in quanto povera di zuccheri, è povera di glucidi e lipidi ed ha solo 18 Kcal ogni 100 grammi, è ricchissima di acqua e di fibre, è molto digeribile e stimola la diuresi.

Per l’alta percentuale di acqua da cui è composta, è ottima contro il gonfiore, l’acidità di stomaco, la ritenzione idrica, la colite, le ulcere ed ha proprietà lassative.

È un ortaggio che ha anche notevoli proprietà antiossidanti che diminuiscono il rischio di formazione di malattie croniche come quelle cardiovascolari e dei tumori, è indicata per chi ha problemi di diabete e di ipertensione, è uno degli alimenti più importanti per controllare il metabolismo degli zuccheri che regolarizza i livelli di glicemia nel sangue e riequilibra il peso corporeo.

Contiene carotene da cui si sviluppa la vitamina A, ha quindi proprietà antinfiammatorie, è ricca anche di vitamina C, E, B1 e B9, i cosiddetti folati, che rafforzano il sistema immunitario.

Contiene minerali come sodio, calcio, potassio e fosforo, gli aminoacidi e i flavonoidi che combattono i radicali liberi dell’ossigeno per avere cellule sempre giovani.

È indicata contro la cistite, ha proprietà diuretiche e calmanti, i suoi semi, ricchi di proteine e carboidrati, contengono la cucurbitina che serve per un’azione preventiva contro i disturbi delle vie urinarie sia per gli uomini che per le donne e sono ricchi di Omega 6 e Omega 3, gli acidi grassi essenziali.

Per usufruire dei loro benefici, basta mangiarne un cucchiaio ogni giorno, aggiungendoli nelle verdure o nelle insalate, anche perché sono abbastanza calorici.

La zucca aiuta la salute degli occhi e della pelle, rallentandone la perdita di elasticità, aiuta a mantenere l’abbronzatura e viene utilizzata anche nella cosmesi per la preparazione di maschere e di creme anti invecchiamento e nutrienti per il viso e viene utilizzata per alleviare le infiammazioni cutanee e in quei prodotti adatti a rinforzare unghie e capelli particolarmente fragili.

Queste creme possono essere preparate anche a casa senza spendere soldi in farmacia, basterà infatti aggiungere ad una fetta di zucca lessata e schiacciata con una forchetta qualche goccia di limone.

A meno che non si abbiamo problemi di salute specifici e non si assumano farmaci che ne sconsigliano l’impiego, per tutte queste sue proprietà, la zucca è adatta veramente a tutti, la cosa importante, ma questa è una regola che vale per ogni alimento, che non si deve eccedere nelle quantità giornaliere.

I nutrizionisti e i dietologi consigliano di non superare mai i 200 grammi di polpa giornalieri e di prestare molta attenzione al condimento.

Storia

La zucca ha una storia antichissima, 10.000 anni fa furono trovati dei semi della varietà “Lagenaria” in alcuni città dell’Africa tropicale a sud dell’Equatore. Gli stessi semi furono ritrovati anche nelle tombe egizie nel 3.500 A.C.

Le sue origini sono contese tra Messico, in cui furono trovati i primi semi tra il 7000 e il 6000 a. C. e l’Asia Meridionale, l’odierna India. Gli storici propendono per questa seconda ipotesi per la sua espansione nel mondo occidentale.

Tutti i popoli antichi coltivarono la zucca nelle diverse varietà.  Anche i Romani erano dediti alla coltivazione della cucurbitacea non solo per scopi alimentari ma anche come contenitore per il latte, i cereali e per il sale, da qui il proverbio “avere sale in zucca”.

Da altri popoli fu utilizzata anche per fabbricare cucchiai, ciotole, piatti e strumenti musicali come le maracas.

In Italia furono i Fenici a coltivare per primi la specie “Lagenaria”, dalla forma allungata e cilindrica, lungo il corso dei fiumi.

Coltivazione che proseguì con gli Etruschi e i Romani che furono conquistati dalle qualità e dal suo sapore, testimonianza di ciò furono le parole di Plinio che definì la zucca come il “balsamo dei guai”.

Nel corso del periodo latino la zucca, per quella sua caratteristica di riprodursi velocemente, fu circondata da superstizioni e credenze per cui si perse l’abitudine di mangiarne la polpa e si iniziarono ad utilizzare solo i semi che venivano tostati prima di essere consumati e si pensò alla zucca come un frutto vuoto, da qui l’espressione “zucca vuota” per definire una persona poco furba.

Il suo nome deriva dal latino “cocutia” che significa testa, poi trasformato in “cocuzza” e “con zucca”, termini ancora oggi utilizzati in alcuni dialetti del Sud Italia, prima di diventare definitivamente zucca.

La storia della zucca, quella del genere “cucurbita”, che oggi è la più diffusa, ebbe la sua diffusione con  Cristoforo Colombo che dopo la  scoperta dell’America ne importò in patria una varietà, di forma, colore e dimensione, lunghe, rotonde, gialle, verdi, rosse, piccole, grandi ed enormi.

Inizialmente, poiché era coltivata a terra, venne vista come un alimento per la plebe e per gli animali. Il susseguirsi di carestie la fecero apprezzare anche dalle classi più ricche, come gli Estensi a Ferrara, che si accorsero di quanto la sua polpa fosse prelibata e iniziarono a coltivarla negli orti dei loro giardini e a consumarla quotidianamente.

Offerta
Ti piace la zucca e vuoi imparare a cucinarla in tutti i modi possibili?
Prendi spunto questo libro che abbiamo selezionato per te!

Ricette

La zucca è molto versatile in cucina. Questa sua caratteristica si traduce nelle innumerevoli ricette in cui può essere impiegata. A seconda del piatto da preparare, può essere cucinata al vapore, al forno, in padella o bollita. È importante lavarla molto accuratamente ed eliminare i semi, che a differenza della polpa sono molto calorici ma hanno anche tantissime proprietà, e i filamenti interni.

Per beneficiare appieno di tutte le sue proprietà e dell’alto contenuto vitaminico, soprattutto quando si osserva un regime dietetico, si consiglia di cucinarla nella maniera più semplice possibile ma quando vogliamo prepararla senza limitazioni, ci si può sbizzarrire e creare con la zucca ricette sempre più golose.

Crema di zucca

Ingredienti per 4 persone

  • 500 g di polpa di zucca Musquée de provence;
  • 1 scalogno;
  • 30 g di Parmigiano Reggiano grattugiato;
  • brodo vegetale 1/2 l;
  • ½ olio extravergine di oliva;
  • una macinata di sommacco;
  • sale;
  • crostini di pane.

Preparazione della crema di zucca 

  1. Lava bene la zucca sotto acqua corrente.
  2. Togli la buccia e tagliala a cubetti.
  3. Sbuccia lo scalogno e taglialo a fettine.
  4. Scalda 4 cucchiai di olio in una casseruola, unisci lo scalogno e lascialo stufare dolcemente per 2-3 minuti.
  5. Aggiungi la zucca e mescola.
  6. Versa il brodo bollente e cuoci su fiamma bassa e a pentola semicoperta per circa 20 minuti, o fino a quando la zucca risulta tenera.
  7. Fuori dal fuoco frulla la  zucca e scalogno con un mixer a immersione.
  8. Versa la crema dentro ad un piatto fondo e servila calda, accompagna a piacere con crostini di pane, e una macinata di sommacco.
  9. Aggiungi a piacere semi di zucca, o parmigiano reggiano grattugiato.

Pancake alla zucca

I pancake oltre ad essere buoni sono anche facilissimi.

Se avanza la zucca da altre preparazioni, come ad esempio la polpa della zucca intagliata di Halloween, si possono  fare questi pancake che oltre ad essere buoni sono anche salutari.

Ingredienti per 4 persone 

  • 140 g di farina;
  • 200 g di zucca cotta a vapore;
  • 140 g di zucchero;
  • 2 uova;
  • 2 cucchiaini di lievito;
  • 1 cucchiaino di cannella;
  • sale 1 pizzico.

Preparazione dei pancake alla zucca 

  1. Schiaccia con una forchetta la zucca.
  2. Quindi aggiungi latte, uovo, farina, zucchero, lievito e sale.
  3. Impasta fino a ottenere un composto omogeneo, quindi versa un paio di cucchiaiate.
  4. In una padella antiaderente leggermente unta con un tovagliolo imbevuto nell’olio di semi.
  5. Inizia a cuocere a fuoco medio-basso.
  6. Una volta rassodato l’impasto, e con evidenti bolle in superficie gira il pancake e cuoci anche l’altro lato.
  7. Continua così, impilando man mano i pancake su un piatto.
  8. Versa sopra del miele o sciroppo di acero.
0 Condivisioni