Primi piatti di verdura

La verdura non piace a tutti, ma fa tanto bene, quindi è necessario consumarla durante i pasti giornalieri; occorre mangiarla sia cruda che cotta.

E’ importante nutrirsi con le verdure soprattutto per chi segue una dieta con poco apporto calorico, per chi ha carenza di vitamine, di ferro; sono utili a tenere bassi i livelli di colesterolo e siccome abbondano in fibra alimentare influiscono positivamente su un intestino pigro.

Occorre quindi prepararla in modo che anche chi non gradisce consumarla si convinca a farlo; si può inserire la verdura in primi piatti, in secondi e anche nei dolci.

I primi piatti di verdure possono aiutare ad accettare le verdure da chi non gradisce questo alimento; ecco di seguito tre esempi tutti da provare:

  • fagioli con le scarole
  • zucchine ripiene di cous cous e verdure
  • riso con cavolo cappuccio o verza

Fagioli con le scarole

Primi piatti di verdura

Questa è una ricetta della mia infanzia, la preparava la mia nonna poi la mia mamma che ancora me la cucina, perché sa che mi piace tantissimo; la preparo anche da me, ma come la prepara lei è un’altra cosa, non so perché ma è più buona.

E’ semplice da preparare, ma occorre accortezza per gli ingredienti; meglio utilizzare i fagioli secchi e scarole fresche.

Ingredienti e preparazione

per 4 persone:

  • 2 scarole grandi
  • 250 gr. di fagioli cannellini secchi
  • 50 g di passato di pomodoro
  • 15 ml di olio extravergine d’oliva
  • 1 spicchio d’aglio

Preparare i fagioli lasciandoli in ammollo per una notte; il giorno dopo scolarli e lavarli sotto l’acqua corrente, rimettere nella pentola e coprire a filo con acqua.

Meglio sarebbe utilizzare la pentola a pressione, è un modo più veloce di cuocerli, ma anche una pentola normale andrà bene, occorrerà almeno un’ora di cottura.

Una volta pronti lasciarli da parte nella pentola oppure in una scodella senza buttare via l’acqua di cottura.

Primi piatti di verdura

Passare alla preparazione delle scarole ripulendole e lavandole in acqua; se sono grandi si possono tagliare in due.

Si fanno sbollentare per 5 minuti in poca acqua salata in bollore, poi scolarle in modo da farle perdere l’acqua in eccesso.

Primi piatti di verdura

Ora che sono pronti sia i fagioli che le scarole in una pentola far soffriggere nell’olio, l’aglio e quando sarà biondo aggiungere il passato di pomodoro; salare e dopo due minuti unire le scarole lessate.

Banner Bloginrete LeROSA

Mescolare e dopo 5 minuti inserire i fagioli cotti, ma solo con due mestoli di acqua.

Lasciar cuocere per 10 minuti e se necessario aggiungere ancora un po’ di sale.

Di solito si fa riposare prima di servire in tavola, in casa mia si dice “facciamogli prendere sapore”, ma è un primo piatto di verdura buono anche se si gusta subito.

Vino da abbinare a questo primo piatto di verdure

Un vino da poter abbinare a questo piatto è il Lugana Doc un vino bianco di colore giallo paglierino con dei riflessi verdolini; all’olfatto si possono sentire delle delicate note floreali e leggeri sentori di mandorla; al gusto è fresco, morbido e armonico.

Viene prodotto a ridosso della sponda meridionale del Lago di Garda che va dai comuni di Desenzano e Sirmione fino a Peschiera, Pozzolengo e Lonato, tra le provincie di Brescia e Verona, a cavallo tra la Lombardia e Veneto.

Secondo da abbinare al primo piatto di scarole e fagioli

Una buona e semplice frittata ci starebbe proprio bene, ma non una frittata qualsiasi, ma una preparata con la salvia; qui da me ci sono piante enormi di salvia e occorre smaltirle per poterle sfoltire così spesso si prepara la salviata.

Si può utilizzare anche la salvia secca, ma è bene averne sempre una pianta fresca anche su un piccolo davanzale perché torna sempre utile.

Primi piatti di verdura

Dolce da accostare al menù

Per terminare in dolcezza questo menù si può scegliere di gustare un buon biscotto, semplice e veloce da preparare; si possono conservare anche per 3/4 giorni in una scatola e sono biscottini al cocco.

Occorre farli piccoli così da poterli mangiare in un sol boccone.

Primi piatti di verdura

Zucchine ripiene di cous cous e verdure

Primi piatti di verdura

In questa ricetta si che non mancano le verdure; quelle indicate sono naturalmente le verdure di stagione che avevo a disposizione nel momento che ho preparato la ricetta, ma è consigliabile utilizzare le verdure che piacciono e che si trovano al mercato nel momento in cui si decide di preparare questo primo piatto.

Non solo è semplice prepararlo, ma anche bello da portare in tavola; ideale se si segue una dieta vegetariana o vegana e si realizza in meno di 40 minuti.

Ingredienti e preparazione

per 4 persone:

  • 4 zucchine tonde
  • 1 tazza di cous cous
  • 2 zucchine lunghe o altre verdure a piacere
  • 1 scalogno
  • 8 fiori di zucca
  • 15 ml di olio extravergine d’oliva
  • sale e pepe

Preparare prima il couc cous; mettere a bollore una tazza di acqua con sale e versare poi il cous cous, mescolare e togliere dal fuoco; lasciare riposare per 10 minuti.

Preparare le zucchine tonde, lavandole e asciugandole, tagliando la parte superiore come fosse un cappello (conservare perché servirà) e svuotarla della polpa e dei semi.

Primi piatti di verdura

In una ciotola raccogliere le verdure tagliate, unire il cous cous e condire il tutto con 10 ml di olio, sale e pepe; mescolare bene e riempire tutte le zucche svuotate.

Primi piatti di verdura

Ricoprire ogni zucchina ripiena con la parte superiore tagliata e messa da parte, poggiarle in una pirofila e irrorarle con l’olio rimasto.

Per la cottura mettere in forno caldo a 180° per 20 minuti e portare in tavola appena pronte.

Vino da abbinare al primo piatto di verdure

Un vino ideale per accompagnare questo piatto è siciliano e si coltiva in questa isola fin dalla fine del 1800, Vino bianco Grillo.

Il suo vitigno nasce dall’incrocio tra il Catarratto e lo Zibibbo; ha un colore giallo paglierino carico, molto aromatico, con sentori erbacei, floreali e note agrumate; ha un sapore sapido, dotato di buona acidità e di una equilibrata morbidezza.

Secondo piatto da accodare al primo di verdure

Le verdure fanno bene, ma anche il pesce, così sarebbe bello far seguire questo primo piatto da un secondo di pesce, l’orata alla barese.

La marinatura e la cottura alla griglia la rendono eccezionale, tutta da provare.

Primi piatti di verdura

Dolce da abbinare a questo menù

Finire con un dolce un pasto dona sempre un senso di felicità, quando poi è un dolce colorato e allegro allora la contentezza aumenta ancor più.

Così proporrei un dolce cotto in forno: una cheesecake ai frutti di bosco.

Si, una cheesecake cotta, ed è la mia preferita in assoluto.

Primi piatti di verdura

Riso con cavolo cappuccio o verza

Primi piatti di verdura

Sia che si voglia preparare il riso con il cavolo cappuccio sia che lo si voglia fare con la verza, il procedimento è lo stesso.

Il cavolo cappuccio è quello compatto e liscio; la verza è quella meno compatta con le foglie più grinzose.

Entrambi ricchi di vitamina C hanno un’azione antiulcera, disintossicante e protettiva contro il cancro.

Ingredienti e preparazione

per 4 persone:

  • 500 g di cavolo cappuccio o verza
  • 400 g di riso Carnaroli (circa 80 g. di riso a testa)
  • 1 spicchio d’aglio
  • 50 ml di olio extravergine d’oliva
  • 5 g di sale
  • 1 g di pepe macinato
  • 100 ml di vino bianco
  • 50 g parmigiano grattugiato

Tagliare la verdura e lavarla; mettere al fuoco una pentola con dell’acqua e appena inizia il bollore lessare il cavolo per almeno 30 minuti.

Se si utilizza la pentola a pressione, dal momento che inizia il fischio far trascorrere 15 minuti per la cottura.

Primi piatti di verdura

Una volta pronto scolarlo del tutto.

In una pentola far soffriggere l’aglio e quando sarà biondo unire il cavolo cotto, mescolare e far cuocere per 5 minuti.

Aggiungere poi il riso e lasciarlo tostare un pochino, sfumare poi con il vino e versare 600 ml di acqua.

Salare e pepare e all’occorrenza aggiungere piano piano altra acqua; io ho aggiunto in tutto 1,5 l di acqua, ma anche perché mi piace meno brodoso, quindi regolarsi secondo i propri gusti.

Primi piatti di verdura

Controllare i minuti di cottura sulla confezione del riso e seguire i tempi di cottura, mescolando di tanto in tanto.

Togliere dal fuoco a fine cottura e mantecare con il parmigiano e servire in tavola ricoprendolo, se piace, con un filo d’olio piccante.

Vino da abbinare a questo primo piatto di verdura

Un vino ideale per questo primo è un Malvasia bianco fermo di struttura media.

La Malvasia è una famiglia di vitigni, ci sono infatti ben 17 varietà in Italia; questo sfata un po’ il mito che questo vino risulti ideale solo per accompagnare dolci o biscotti.

Secondo piatto da accostare al primo di verdura

Un secondo ideale per questo piatto di riso potrebbero essere delle polpettine, ma un po’ diverse da quelle che si preparano solitamente: si tratta di polpettine di soia.

Sono così buone che le ho dovute nascondere mentre le cucinavo.

Primi piatti di verdura

Dolce ideale per concludere il menù.

Secondo la mia opinione un dolce soffice e profumato sarebbe proprio la ciliegina sulla torta per questo menù è il babà

La mia ricetta non è difficile prepararla ma altrettanto buona come quella della pasticceria.

Primi piatti di verdura

A quali aziende rivolgersi per questi primi piatti di verdura

Gli ingredienti principali di queste ricette devono essere sempre freschi e acquistati in tutta sicurezza, quindi rivolgendosi ad aziende che si conoscono o che offrono prodotti certificati.

  • Fagioli

L’Azienda Toscana legumi è da oltre quarant’anni che produce legumi, cereali e semi e tutta produzione bio.

  • Scarole
  • Zucchine
  • Verza
  • Cavolo cappuccio
  • e le altre verdure

Per le verdure si conoscesse un contadino sarebbe il top, ma in caso contrario l’azienda Vagnoli di Arezzo è un ottimo produttore di frutta e verdura che rifornisce il mio fruttivendolo e così ho la sicurezza di quel che compro.

  • Riso

Per il riso (Carnaroli, Arborio e Thaibonnet), il Riso della Maremma, coltivato proprio nella Maremma Grossetana è ottimo, lo uso spesso e devo dire che si sente l’esperienza di sessant’anni.

0 Condivisioni