definizione personal branding online

Definizione di Personal Branding online

Il Personal Branding online è il processo per creare il tuo personal brand nel mondo digitale; è il modo in cui puoi costruire la tua reputazione professionale, instillare nelle menti altrui il giudizio che vuoi abbiano di te in ambito lavorativo, quell’insieme di motivi che porteranno un cliente, un datore di lavoro o un collaboratore a scegliere proprio te.

Jeff Bezos, il fondatore di Amazon, ti direbbe che il Personal Branding “è ciò che le persone dicono di te quando esci dalla stanza“. Ti faccio un esempio.

Hai mai pensato al te stesso professionista come un brand?

Immagina di essere un’azienda che produce pasta. Perché una persona dovrebbe acquistare proprio la tua pasta? Cosa fai per distinguerti dalle altre aziende che producono pasta? Applichi le tecniche di marketing adatte per costruire un marchio riconoscibile e promuovere la tua pasta. Ecco, per promuovere la tua identità personale, devi comportarti come se fossi un’azienda che produce pasta e applicare le tecniche di marketing al tuo prodotto, che in questo caso sei tu.

A questo punto ti starai chiedendo come fare, quali strumenti utilizzare. Nell’epoca del digitale sembra che la concorrenza cresca ogni giorno, ma hai a disposizione nuovi mezzi che puoi usare a tuo vantaggio per comunicare chi sei, condividere le tue conoscenze e competenze, posizionarti in maniera coerente con quelli che sono i tuoi obiettivi, la tua personalità e i tuoi valori ed emergere dal magma della mediocrità.

Può sembrare difficile, ma non preoccuparti. Vedremo insieme cos’è il Personal Branding, quali sono le migliori tecniche per farlo, cosa fa un esperto di Personal Branding e quali sono gli esercizi per costruire un tuo marco da urlo.

Personal Branding: cos’è?

Il Personal Branding è tutto ciò che dici e che fai, online e offline. Anche il silenzio o quella foto su Facebook dove ci sei tu a Carnevale vestito da Puffo. Cosa accade quindi se lasci tutto al caso? Gli altri si faranno di te un’idea corretta? Otterrai una buona reputazione dal punto di vista professionale? No.

Un Personal Branding efficace non può essere lasciato al caso o affidato ai tuoi sentimenti del momento, ma va studiato per far sì che sia davvero l’insieme di tutte quelle azioni che ti portano a prendere consapevolezza del tuo marchio personale e a strutturarlo. Fare Personal Branding significa gestire in maniera organizzata e strategica la tua immagine professionale, cioè lavorare in maniera ragionata e consapevole a quello che vuoi che gli altri percepiscano di te e che li porterà a scegliere te.

È un processo lungo, che potrebbe rivelarsi quasi una seduta psicoanalitica, ma che alla fine darà i suoi frutti. È un percorso che ti porterà ad identificare la tua immagine professionale, ad elaborare una strategia per curarla in tutti i dettagli e a comunicarla efficacemente. Solo allora, al termine di questo percorso, riuscirai a differenziarti davvero dagli altri professionisti del tuo settore e a far sì che i clienti ti riconoscano e vogliano proprio te.

Vuoi farti promuovere ne LeRosa?

Contattaci

Tecniche di Personal Branding: cosa sono?

Le tecniche del Personal Branding riprendono i metodi usati dal marketing nella promozione dei prodotti e li adattano alla promozione della persona, portando alla costruzione di un brand riconoscibile.

Immagina di nuovo di essere un’azienda che produce pasta e di aver creato un marchio ormai famoso. Quando le persone pensano al tuo brand, pensano a tutto un sistema di valori che hai identificato e hai saputo comunicare veicolando un immaginario ben specifico nella mente dei clienti, che ormai ti riconoscono e condividono i tuoi valori.

Devi creare una strategia di brandig online. Come?

  1. Studia il mercato, i competitor e i tuoi potenziai clienti.
  2. Definisci la tua identità: individua le tue capacità, le tue competenze e i tuoi punti di forza; definisci la tua mission e cosa ti rende unico; identifica i tuoi valori e i clienti che li condividono.
  3. Crea il tuo stile: comunica la tua identità attraverso un logo e un’immagine coordinata, il tono di voce e una presenza scenica adatti.
  4. Individua i canali social da presenziare e costruisci la tua presenza online, creando una rete di persone che condividono i tuoi valori e che possono aver bisogno di te e delle tue competenze.
  5. Coinvolgi i tuoi clienti attraverso uno storytelling equilibrato della tua persona e raccontando la tua professione, comunicando le tue idee e le tue esperienze e condividendo la tua conoscenza.

Esperto di Personal Branding: cosa fa

L’esperto di Personal Branding, o Personal Brander è un consulente che ti aiuta a costruire e a curare la tua immagine online. Come un angelo custode della tua marca personale, ti affiancherà in tutte le fasi della costruzione della tua identità digitale, dall’analisi dei tuoi punti di forza, alla creazione del tuo stile fino alla scelta delle parole giuste per i post.

Il Personal Brander è un esperto di comunicazione che conosce bene il mondo di internet e dei social, ne comprende a fondo i meccanismi e possiede quindi tutti gli strumenti per creare e consolidare la tua presenza digitale. È anche un po’un moderno investigatore segreto, che monitora il web e ne esplora anche gli angoli più reconditi per controllare cosa si dice su di te e salvaguardare la tua reputazione online

Perché affidarsi ad un esperto di Personal Branding? Perché la strategia di Personal Branding è una strategia che richiede costanza nel tempo, ma che ti permetterà di far conoscere le tue idee e il tuo modo di lavorare, ti consentirà di posizionarti come una figura di riferimento nel tuo settore professionale e di lavorare di più.

E perché costruire e gestire la propria reputazione online è una questione molto delicata: può bastare un commento sbagliato sotto un post di Facebook per veder distrutta la propria reputazione.

I migliori esercizi di Personal Branding

Fare esercizi di Personal Branding è essenziale per costruire un’immagine digitale efficace per i tuoi obiettivi. Costruire il proprio marchio personale richiede di fare un’analisi della propria persona che non è affatto semplice. È un viaggio che ti porta alla scoperta di te, di quello che hai dentro, per capire come valorizzarti e comunicare te stesso in maniera efficace e coerente.

Tra i tanti esercizi, il migliore è compilare il prisma della Brand identity ideato dall’esperto di branding Jean-Noel Kapferer.

Le sei facce di questo schema, benché pensate per le aziende, rappresentano caratteristiche simili a quelle di una personale e quindi si adattano bene alla definizione delle tue caratteristiche:

  1. Aspetto fisico: non intendo solo le caratteristiche fisiche, ma anche il tuo stile, ad esempio nel vestire.
  2. Personalità: chiediti quali sono le tue capacità, i tuoi punti di forza, i tratti distintivi del tuo carattere e scegli un tono of voice che le rappresenti.
  3. Cultura: elenca e descrivi i tuoi valori e il messaggio che vuoi trasmettere.
  4. Riflesso: Kapferer dice che “il brand è il riflesso dei clienti” e quindi devi individuare un target che condivida i tuoi valori.
  5. Auto-immagine: interrogati su chi vuoi essere e definisci come vuoi che gli alti ti vedano e ti percepiscano.

Ora non ti resta che sederti, riflettere e compilare il prisma della tua Brand Identity. Buon viaggio!

Vuoi scrivere all’espert* di questo articolo?

Contattaci

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email
Niva Florio

Niva Florio

Sono cresciuta a suon di "nevole" e prelibatezze abruzzesi, fra gli ulivi delle colline pescaresi, circondata dalle cuoche provette di famiglia. Oggi racconto nel blog i piatti della tradizione abruzzese, la riscoperta di sapori autentici della mia terra che ricerco visitando  piccoli borghi abruzzesi e chiacchierando con gli abitanti. La mia citazione preferita è di Rocky Balboa: "Un passo alla volta, un pugno alla volta, una ripresa alla volta" .

QUESTO BLOG NON COSTITUISCE UNA TESTATA GIORNALISTICA.
NON HA CARATTERE PERIODICO ED È AGGIORNATO SECONDO LE DISPONIBILITÀ E LA REPERIBILITÀ DEI MATERIALI.
PERTANTO NON PUÒ ESSERE CONSIDERATO IN ALCUN MODO UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N.62 DEL 2001.

Sei dei nostri?

vuoi conoscere le nostre attività? Leggi la nostra newsletter.

Iscriviti ora