salone del libro 2020 extra

Il Salone del Libro 2020 EXTRA

In questo periodo, ogni evento online è un’occasione in più di crescita culturale: il Salone del Libro 2020 EXTRA ne è stato un ottimo esempio.

Fino all’anno scorso, per ben trentadue anni, la Fiera del Libro ha avuto luogo al Lingotto Fiere, a Torino, nel mese di maggio. Tra gli appuntamenti annuali, in giro per l’Italia, questo è il più importante evento fieristico nel campo dell’editoria.

L’organizzazione ha deciso di mantenere l’incontro con scrittori e lettori, e di proporre la modalità online per non rimandare la manifestazione all’anno prossimo.

L’evento del 2020, intitolato “Altre forme di vita”, è un’edizione straordinaria in risposta a questo momento critico. Pur se monche del contatto fisico con i libri e visivo con gli autori, queste quattro giornate sono state ricche di significati, per gli interventi e la passione arrivati via web.

Con 140 ospiti da ogni parte del mondo e più di 60 incontri, il Salone del Libro di quest’anno rimarrà nella memoria di molti.

Evento online: Salone del Libro Extra

Nicola Lagioia, scrittore e direttore del Salone dal 2017, ha dato il via al SalTo Extra, dall’Aula del Tempio del Museo del Cinema di Torino. L’evento è stato dedicato alle vittime del Coronavirus, alle loro famiglie, al personale medico e paramedico.

Ogni intervento ha stimolato discussioni e riflessioni costruttive per comprendere meglio questa nuova quotidianità.

Dall’amore all’astrofisica, dalle favole alle analisi socio-economiche, il Salone del Libro 2020 Extra ha tentato di rispondere alla domanda più difficile: “Come sarà il futuro?”.

Il Professor Alessandro Barbero, storico, medievista e accademico, ha tenuto l’appassionato discorso inaugurale, sulle “conseguenze inattese” di questa pandemia.

L’essere umano non può predire il futuro (nonostante lo desideri) e questo porta delle conseguenze inattese, per forza di cose. Ciò che sta capitando da fine febbraio è un evento storico unico perché è la prima volta che tutto il mondo è coinvolto.

Una situazione così particolare che tutti i popoli hanno dovuto fronteggiare nello stesso momento e allo stesso modo, e che è diventata una priorità per tutti.

Quali possono essere le conseguenze inattese? Molti di noi sperano in un cambiamento della mentalità, o, perlomeno, in una maggiore consapevolezza della caducità della vita umana.

Vuoi farti promuovere ne LeROSA?

Contattaci

Informazioni sul Salone del Libro dal 14 al 17 maggio 2020

A causa dell’emergenza Covid-19, il Salone Internazionale del Libro per questo 2020 non si è potuto svolgere come d’abitudine. L’organizzazione ha ritenuto comunque opportuno offrire l’evento in forma gratuita e live: l’edizione è stata condivisa dai vari canali social, da Radio3 e dalle reti Rai.

SalTo Extra è stato un progetto dell’Associazione Torino, con la Città del Libro e la Fondazione Circolo dei lettori. La Regione Piemonte, la Città di Torino, la Fondazione Compagnia di San Paolo e la Fondazione CRT hanno sostenuto la manifestazione. L’evento ha supportato le due raccolte fondi per la Regione Piemonte e la Città di Torino.

Durante la diretta live, gli editori hanno condiviso il loro Libro della ripartenza, la cui copertina appariva tra un intervento e l’altro.

Questa edizione del Salone è stata anche l’occasione per festeggiare il 15° anno del Concorso Lingua Madre. Ideato e curato da Daniela Finocchi, giornalista e saggista, il concorso “dà voce alle donne straniere migranti e alle donne italiane che vogliono raccontare l’incontro con l’altra”.

Programma

Il Salone del Libro 2020 Extra ha regalato un programma densissimo per quattro giorni: autori, artisti, editori, giornalisti, tutti relatori fantastici.

Giovedì 14 maggio

  • La lezione di Alessandro Barbero ha inaugurato l’evento, con il discorso “Conseguenze inattese. Su come l’umanità reagisce alle catastrofi”. Attraverso la narrazione di come i popoli hanno contrastato le calamità, lo storico ha ragionato sul futuro. Barbero ha affermato che bisogna volere davvero il cambiamento e ringraziare per la “straordinaria capacità di reagire e di imparare dalle catastrofi”, propria dell’umanità.

Venerdì 15 maggio

  • Tra gli incontri, mi piace ricordare quello tra l’astronauta Samantha Cristoforetti e la scrittrice Valeria Parrella sulle “città invisibili”. “Astrosamantha” (come viene affettuosamente chiamata) ha paragonato il viaggio intorno al nostro pianeta a un abbraccio di tutti i paesi e i popoli. Ha parlato di nuvole, di tramonti e albe ogni novanta minuti, del senso di pace mentre si vedono i paesaggi dallo spazio, dei segni della Storia.
  • Un altro intervento da segnalare è stato quello della scrittrice Dacia Maraini sull’importanza della lettura, paragonata a un viaggio attraverso il tempo e lo spazio. La lettura viene vista come se fosse una sorta di riscrizione del libro stesso che vive grazie all’immaginazione di chi legge. Ha parlato di libertà, di solitudine e del bisogno di ogni essere umano della compagnia degli altri.

Sabato 16 maggio

  • Tra gli incontri di sabato, quello tra le giornaliste Lilli Gruber e Barbara Stefanelli è stato illuminante per la riflessione sulla presenza delle donne al potere. La Gruber ha sottolineato la “scarsa considerazione delle capacità e delle competenze femminili, fondamentali in una fase così complicata”, da parte del nostro Paese. Per la giornalista, bisogna assumersi dei rischi: se si vuole entrare nella “stanza dei bottoni” e avere potere, è necessario mettersi in gioco.
  • L’intervento di Joseph Stiglitz, Premio Nobel per l’economia nel 2001, è stato interessante per l’acuta analisi della situazione socio-economica mondiale. Stiglitz ha rimarcato la necessità di nuovi contratti sociali, mercati ben regolati e maggiori finanziamenti per la sanità. Il Covid-19 ha evidenziato la disuguaglianza anche nel contagio: i più deboli sono stati più contagiati perché non potevano curarsi.

Domenica 17 maggio

La giornata conclusiva del Salone del Libro Extra ha avuto diversi contributi molto interessanti, tra cui due interviste degne di nota, e una performance.

  • La prima è stata quella tra la pubblicitaria Annamaria Testa e il fumettista Zerocalcare (pseudonimo di Michele Rech). Zerocalcare ha raccontato il suo rapporto con il personaggio delle sue opere e con il passare del tempo. Il fumettista ha rimarcato quanto la militanza sia legata alla collettività: l’una non può prescindere dall’altra per poter aver efficacia.
  • La seconda è stata il contributo dell’attore Fabrizio Gifuni che ha centrato il discorso sul teatro greco. Il teatro, in quanto forma di spettacolo, deve sì intrattenere e divertire il pubblico, ma, essendo nato per farsi delle domande, deve anche turbare.

E arriviamo infine alla performance.

  • Arturo Brachetti è probabilmente il trasformista più conosciuto al mondo; è anche un attore e regista teatrale. Per il suo intervento al Salone del Libro Extra, ha voluto portare un classico della letteratura francese (e mondiale): Il piccolo principe. Brachetti ha raccontato una piccola e bellissima storia con protagonisti lui stesso e il principino nato dalla penna di Antoine de Saint-Exupéry.

Il Salone del Libro anche quest’anno non ha deluso le aspettative, considerando, per chi non lo sapesse, che è stato preparato nel tempo record di 15 giorni.

La foto di copertina è di Comfreak da Pixabay.

Per il programma completo: https://www.salonelibro.it/ita/saltoextra

Vuoi scrivere all’espert* di questo articolo?

Contattaci

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email
Veronica Curvietto

Veronica Curvietto

Autrice del blog Scoprire l’altro, con il quale voglio contribuire a far scoprire la bellezza e la ricchezza dentro ognuno di noi. Vorrei portare il sorriso nella vita di chi la vede grigia. Nella mia vita non possono mancare: la scrittura, i viaggi, la musica, la scoperta di  nuovi tipi di cucina. La mia frase preferita: non è mai troppo tardi.

LeROSA è il mondo che si basa su tre pilastri: Ascoltare Collaborare Sorridere. Scopri come!

QUESTO BLOG NON COSTITUISCE UNA TESTATA GIORNALISTICA.
NON HA CARATTERE PERIODICO ED È AGGIORNATO SECONDO LE DISPONIBILITÀ E LA REPERIBILITÀ DEI MATERIALI.
PERTANTO NON PUÒ ESSERE CONSIDERATO IN ALCUN MODO UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N.62 DEL 2001.

 

Per conoscere tutte le possibilità di collaborazione e promozione della nostra realtà:

I NOSTRI PARTNER

Scoprirecosebelle è il progetto che si occupa del benessere e la felicità di chi lo segue.

Inkalce Magazine non è una semplice rivista, ma uno strumento di marketing che ha scelto noi per raccontare storie di impresa online.

Sostieni la nostra partnership con Crystal Eye Shop acquistando le opere delle nostre LeROSA artiste stampate su magliette, felpe e accessori


E per conoscere la Founder del progetto LeROSA, Giulia Bezzi, esperta SEO e Content Marketing, scegli i libri nei quali sono presenti i suoi contributi:

Sei dei nostri?

vuoi conoscere le nostre attività? Leggi la nostra newsletter.

Iscriviti ora