Cromoterapia cos’è, come funziona, i benefici

La cromoterapia, chiamata anche terapia dei colori, è quella branca della medicina alternativa che utilizza i colori per curare malattie o semplicemente per supportare altre discipline olistiche nel raggiungimento di uno stato di benessere.

Se anche tu sei curiosa e desiderosa di conoscere qualche informazione in più di questa disciplina sei nel posto giusto. Ti spiegherò cos’è la cromoterapia, come funziona e come può migliorare la tua vita.

Cromoterapia cos’è

La luce e i colori hanno un forte impatto e effetto sul corpo, sulla psiche, sulle emozioni di ogni essere umano contrariamente a quanto pensato dalla medicina tradizionale.

La cromoterapia è propria di molte culture antiche, in particolare egiziana, indiana e cinese, che hanno sviluppato una vasta conoscenza del colore, della luce e che oggi gli scienziati stanno riscoprendo utilizzando le informazioni fornite dal passato.

I colori che scegli durante le tue giornate nell’abbigliamento, nella tua casa, nel tuo studio raccontano molto di te. Raccontano sia i tuoi stai d’animo anche la tua personalità.

Allo stesso modo i colori che non scegli consapevolmente perché li “incontri” durante una passeggiata, mentre vai a lavoro o in un negozio, hanno un effetto sulla tua psiche, sui tuoi pensieri e sul tuo modo d’agire.

I colori sono il linguaggio emotivo dell’ inconscio. Conoscerli aiuta a capire meglio se stessi e chi sta di fronte, raccontano desideri, bisogni, paure e conflitti.

Se prendo il verde non vuol dire che intendo dipingere l’erba, e se prendo il blu non significa che dipingerò il cielo. Il colore esprime lo stato d’animo dell’artista.”
Vasily Grossman

Oltre a dare informazioni sulle emozioni e sulla psiche, sono dei validi aiutanti per il benessere fisico.

In origine, la cromoterapia, si basava sugli effetti terapeutici della luce solare al fine di curare una vasta gamma di disturbi. Nelle antiche culture il sole era una divinità perciò ai suoi raggi erano attribuiti forze guaritrici e soprannaturali.

In seguito alla nascita dell’elioterapia si fece strada il pensiero che ogni colore possiede delle proprietà specifiche perciò furono anche associati alle diverse divinità dell’epoca. Per esempio in un antico papiro egizio del 1550 a. C. era scritto: “La guarigione mediante i colori è una scienza divina”.

Su questo stesso papiro sono elencate le cure basate sui colori. Per esempio per curare le cataratte veniva preparata una miscela contenente minio rosso, lucertole nere e verderame, un sale di rame di colore verde, e cera d’insetti.

Inoltre, in Egitto, venivano usate pietre preziose ridotte in polvere per guarire alcuni mali. Edificarono anche templi con sette stanze ognuna delle quali dipinte con colori differenti. La scelta della stanza nella quale il malato doveva essere portato per ricevere il bagno di colore doveva corrispondeva al suo bisogno.

Altro popolo che ha largamente utilizzato i colori sono i cinesi. L’uso dei colori in Cina era per scopi terapeutici.

Questo specifico utilizzo divenne scientifico dopo le scoperte di Isaac Newton tra il XVII il XVIII secolo. Il fisico inglese dimostrò che la luce bianca è composta dai vari colori dell’iride e che ciascun colore ha una determinata frequenza che emette differenti quantità di energia sotto forma di vibrazione.

Come funziona la terapia del colore

Più del 90% delle informazioni sensoriali che arrivano al cervello sono percepite dagli organi per eccellenza più sensibili: gli occhi.

La luce arriva nel corpo dagli occhi producendo impulsi nervosi sulla retina che poi trasmette come messaggi codificati attraverso il nervo ottico raggiungendo la corteccia visiva del cervello.

Altro organo che fornisce informazioni al corpo sulla luce e i colori è la pelle che modifica e interferisce profondamente sulle funzioni organiche del corpo. Questo meccanismo è chiamato “risonanza“.

In seguito alla risonanza il corpo riceve una frequenza luminosa che incrementa il suo stato vibrazionale e energetico.

La pelle rappresenta uno dei sistemi più sofisticati di interazione e comunicazione. È un sistema vibrante perché collegato alla corteccia celebrale, al cervello emozionale e a quello istintuale.

La risposta che ne consegue all’interno dell’organismo è di cambiamento del pensiero, dello stato fisico e di quello emotivo.

Peter Mandel, ricercatore e naturopata tedesco, spiega che applicando su punti energetici della pelle una determinata luce colorata, questa per effetto vibrante, invia un informazione agli organi di coordinazione endocrina del cervello. Tali organi, in seguito a tale messaggio, eliminano i deficit presentati dalla malattia ristabilendo armonia e benessere fisico.

Recentemente le scoperte del dottor Popp hanno dimostrato l’influenza che la luce colorata provoca sui sistemi viventi. Ogni cellula vivente emette delle radiazioni di luce colorata, seppur debole, dette biofotoni.

Banner Bloginrete LeROSA

Questa vibrazione elettromagnetica costituisce un sistema di comunicazione intracellulare, definita da Popp, linguaggio del corpo.

Ora è chiaro comprendere come è possibile che le luci colorate proiettate sulla pelle possano avere risultati sull’organismo e inviare velocemente messaggi al cervello.

I benefici della cromoterapia

La cromoterapia utilizza la mescolanza dei colori primari per generare le combinazioni cromatiche derivanti. Mescolati in proporzioni uguali si ottiene la luce bianca, mentre, dall’unione di due colori si ottiene un colore secondario.

I colori possiamo classificarli in caldi e freddi.

I colori caldi (rosso, giallo, arancio) sono esotermici e centrifughi cioè sembrano che vengano incontro. Suscitano e alimentano sentimenti di gioia, stati di eccitazione e vibrazioni positive.

I colori freddi (blu, verde, viola) sono endotermici e centripeti, cioè trasmettono allontanamento. La loro funzione è introspettiva, di calma e di aiuto per connessioni profonde oltre che spirituali.

Convenzionalmente considerati colori neutri sono il nero, assenza totale di luce, il bianco, sintesi di tutti i colori, e il grigio, ottenuto dalla mescolanza di nero e bianco.

Vediamo nello specifico le proprietà e i benefici di ciascun colore.

  • Rosso: colore che esprime forza e passione, calore e eccitazione. Aumenta il battito cardiaco e la pressione arteriosa. Utile in casi di anemia.
  • Rosa: è il colore della femminilità, delicatezza. Esprime anche sentimenti di debolezza. Se usato con tonalità più intense ha una carica più forte, mentre, con tonalità più chiare lascia trasparire la parte sentimentale e romantica. Alleggerisce la mente e allontana il pensiero negativo. Guarisce artriti, obesità e depressione.
  • Arancione: esprime vitalità, accoglienza e voglia di divertirsi. Ha la capacità di espandere i polmoni. Agisce soprattutto sulla ghiandola tiroidea, lenisce contratture e crampi muscolari.
  • Marrone: è il colore della terra. Rappresenta la stabilità, l’avversione verso i cambiamenti e le comodità materiali. Aiuta in casi di repressione emotiva e di blocchi nella sensualità.
  • Giallo: rappresenta il sole, infatti, esprime solarità, luminosità e vitalità. Rafforza la prontezza dei riflessi e favorisce la digestione.
  • Verde: il colore della natura. Comporta freschezza, crescita, serenità e equilibrio. Efficace contro lo stress, l’ansia, la cefalea, l’insonnia e la bulimia.
  • Blu: rappresentativo del mare e del cielo. Trasmette serenità, tranquillità e calma. Diminuisce il ritmo respiratorio, la pressione arteriosa e il battito cardiaco.
  • Viola: è un colore magico e spirituale che evoca mistero e trascendenza. Ha funzione rilassante sul sistema nervoso, stimola la milza e la produzione di globuli bianchi. Molto utile in casi di problemi ai reni e disturbi della vescica.
  • Indaco: colore molto intenso ottenuto dal blu e dal viola. Rappresenta una fase trasformativa della coscienza. È rilassante. Stimola vista, olfatto e udito alleviando i disturbi degli organi sensoriali. Contrasta infezioni e infiammazioni.

L’uso consapevole di ogni colore potrà essere di supporto nella tua quotidianità o più generalmente nella tua vita. Per stare bene basta informarsi!

0 Condivisioni