Gli specchi secondo il feng shui

Gli specchi sono oggetti difficili da utilizzare secondo il feng shui. Impara a usarli per respingere l’energia negativa ed espandere quella positiva.

Cosa rappresentano

Gli specchi secondo il feng shui non sono banali oggetti decorativi né superfici sulle quali riflettere la nostra immagine allo scopo di capire se siamo in ordine, prima di uscire, o più spesso, quali difetti si sono aggiunti a quelli del giorno precedente. In architettura e interior design, utilizziamo gli specchi principalmente per dilatare otticamente gli spazi o, perlopiù all’esterno, per ottenere effetti di massima integrazione con l’ambiente circostante. Nel feng shui gli specchi e tutte le superfici riflettenti, rappresentano:

  • l’elemento metallo;
  • scudi protettivi;
  • respingitori di energia;
  • amplificatori di energia positiva.

Avrai sentito parlare del ciclo di trasformazione dei cinque elementi -acqua, legno, fuoco, terra, metallo –uno strumento usato da tutti gli esperti di feng shui per creare armonia ed equilibrio negli spazi. A ogni elemento attribuiamo forme, colori e materiali differenti. Secondo il feng shui, gli specchi possiedono l’energia del metallo che, noi esperti, usiamo per stimolare la creatività, la leadership, l’amicizia, l’amore paterno e alcuni valori come la famiglia. Usare gli specchi significa ampliare tutte queste capacità e sbloccare le situazioni stagnanti che le riguardano. Il successo è garantito dalla conoscenza del feng shui e dall’abilità nell’applicare le sue regole. Nei paragrafi successivi, troverai le indicazioni per non sbagliare.

Quando dico che gli specchi secondo il feng shui servono da scudi protettivi, mi riferisco ai casi in cui avverti alcuni fastidi difficili da spiegare, che spesso provengono dal circondario. Ci sono edifici particolari e condizioni specifiche degli stessi per cui dobbiamo imparare a proteggerci: cimiteri, palazzi fatiscenti, discariche inficiano sul benessere abitativo. La cosa bella è sapere che c’è un modo per attenuare e, talvolta, risolvere queste problematiche. Il feng shui, infatti, offre l’opportunità di usare gli specchi come scudi protettivi e respingitori di energia. Viceversa, impieghiamo gli specchi per ampliare i flussi benefici ed espanderli oltre la stanza nella quale li abbiamo introdotti.

Cosa rappresentano gli specchi secondo il feng shui

Per comprendere al meglio come fare degli specchi degli amplificatori d’energia positiva, bisogna conoscere bene il potenziale energetico della casa. Solo così riusciremo a posizionarli secondo le norme del feng shui. Bisogna saper disegnare un Bagua per scegliere le aree migliori per ognuno di noi e classificarle secondo la risonanza con il proprio elemento di appartenenza, ovvero al Gua, un numero che corrisponde a uno dei cinque elementi e che ci permette di conoscere quali forme, colori e materiali giovano al nostro benessere psico-fisico.

Le aree della casa

Secondo il feng shui gli specchi costituiscono degli ottimi rimedi contro le carenze di energie positive, tuttavia occorre fare attenzione alle aree della casa nelle quali pensiamo di adottarli. I più esperti conoscono il Bagua, una mappa ottagonale che si sovrappone al baricentro geometrico della casa per suddividerla in otto aree corrispondenti alle direzioni geografiche e ai settori della vita: la missione, le radici, la fortuna, il riconoscimento, le relazioni, la leadership, la creatività, il tempo per
sé). Ogni area del Bagua è assegnata a uno dei cinque elementi. Secondo il feng shui, che s’ispira ai cicli di trasformazione degli elementi della natura, sussistono dei rapporti generativi tra elementi, ma tra loro ci sono anche relazioni di antagonismo. Che cosa provoca un’accetta su un albero? L’acqua, non serve dirlo, spegne il fuoco. Ancora, quest’ultimo fonde il metallo. Sono tutti fenomeni naturali.

Per questo motivo dobbiamo prestare attenzione alle aree della casa nelle quali ci piacerebbe disporre gli specchi. Secondo il feng shui, le aree migliori, quelle propizie in base al ciclo creativo di trasformazione dei cinque elementi, per ottenere un beneficio dall’utilizzo degli specchi (ricorda, appartengono al metallo), sono quelle esposte a:

  • nord;
  • ovest;
  • nord-ovest.
Offerta
Il nido dell'anima
19 recensioni a 5 stelle in un mese dalla pubblicazione. Dedicato alle persone in evoluzione, oltre che agli appassionati di home decor e interior design, questo libro ti fa crescere insieme alla protagonista mentre ristruttura la sua casa guidata dall’autrice, architetta Feng Shui e progettista di nidi dell’anima, per farti stare bene

Se desidero utilizzare gli specchi per dinamizzare l’energia necessaria al compimento della mia missione, ricevendo stimolo e sostegno dell’ambiente in cui abito e lavoro, attivando il ciclo energetico per il quale il metallo alimenta l’energia dell’acqua, alloggerò gli specchi nelle aree della casa affacciate a nord. Allo stesso modo, disporrò alcuni specchi nelle aree della creatività, a ovest, per aumentare la mia capacità di trovare soluzioni, creare situazioni favorevoli e sbloccare il flusso creativo in generale. Inoltre, userò gli specchi secondo i dettami del feng shui, nelle aree a nord-ovest della casa, per migliorare la mia capacità di guidare ed essere leader. Ogni altra posizione dev’essere valutata da un esperto che sappia valutare l’effetto degli specchi e, nel caso in cui si riveli una scelta sbagliata, suggerire l’impiego di oggetti del feng shui più consoni.

Dove posizionarli

Ora che hai capito quali capacità puoi stimolare grazie agli specchi, leggi le informazioni che ti permetteranno di ottenere il massimo beneficio secondo la loro posizione nelle aree della casa. Avrai compreso che la posizione degli specchi può modificare il tuo benessere abitativo, aiutandoti a far fluire energia positiva ed espandendola, ma possono causare anche il contrario. Ecco un elenco delle zone nelle quali la disposizione degli specchi richiede una certa cautela.

  • camera da letto;
  • ingresso;
  • in prossimità delle porte;
  • all’esterno dell’abitazione.

Se la tua è una camera da letto tradizionale, dove l’arredamento comprende anche l’armadio guardaroba, molto probabilmente avrai sentito l’esigenza di avere almeno uno specchio che rifletta la tua figura intera. In passato, c’è stata anche la moda delle ante a specchio. Niente di più sbagliato. Se soffri d’insonnia e dormi davanti a uno di questi armadi, sappi che secondo il feng shui, questa può essere causa del tuo male o contribuirvi in buona parte. Per rispettarle regole di armonia e benessere dettate dal feng shui, gli specchi in camera da letto vanno disposti in modo che non vi si rifletta il nostro corpo. Avrai certamente sentito parlare di aura energetica: un “corpo” immateriale, invisibile ai più ma rilevabile con una strumentazione apposita, avvolge il nostro corpo fisico e, come quest’ultimo, si rispecchia sulla superficie riflettente. Se la stanchezza è la prima cosa che senti quando apri gli occhi al mattino, o ti svegli ripetutamente durante la notte, è probabile che tu debba correggere la posizione degli specchi in camera e li disponga seguendo le regole del feng shui. Ricordo bene tutti i riscontri positivi ricevuti dalle persone che hanno migliorato la qualità del loro sonno, semplicemente coprendo con teli o dipingendo gli specchi che non potevano essere eliminati né spostati.

Banner la spa del business

Le posizioni migliori per gli specchi nella stanza da letto secondo il feng shui sono tre: ai lati della testiera del letto, sopra ai comodini o oltre gli stessi se hai spazio sufficiente, e ai piedi del letto, oltre la traiettoria della pediera, sulle pareti laterali. Infine, la terza posizione ideale è sulla parete di fronte al letto, ma lontani da esso, tanto da impedire che ci specchiamo finché dormiamo. Ce n’è una quarta, in realtà e si trova all’interno delle ante a battente dell’armadio.

Dove posizionare gli specchi secondo il feng shui

Alcune regole per usare correttamente gli specchi secondo il feng shui, valgono per l’ingresso e qualsiasi altra stanza. Vietato appendere uno specchio di fronte alla porta d’ingresso. Immagina di entrare a casa di un’amica che l’abbia fatto senza avvertirti. Apri la porta per entrare e, “Gulp! Chi è quella persona che mi viene addosso?”. A parte lo spavento che si risolve con un coccolone, il problema è che gli specchi davanti alle porte respingono l’energia Qi che sta entrando, e un po’ anche la nostra, che, con essa, varchiamo la soglia. La porta d’ingresso di una casa è conosciuta come bocca del Qi. Partendo dal presupposto che nel feng shui consideriamo ogni casa come un essere vivente, non serve spiegare quanto importante sia prendersi cura dell’organo attraverso il quale nutriamo la nostra dimora.

Attenzione anche alle singole stanze. Se disponendo uno specchio sopra al comodino significa trovarselo di fronte alla porta, è necessario cambiargli posto. Quando il Qi è respinto, la camera rimane scarica. Il ricambio di energia in un ambiente è fondamentale tanto quanto quello d’aria. Quale aria, appunto, respireresti nelle stanze di casa tua e negli uffici aziendali, se non provvedessi ad una ventilazione regolare e frequente?

Concludendo, sappi che secondo il feng shui, gli specchi tornano utili per proteggerci dagli scenari sgradevoli e ripararci dalle invadenze del vicinato. Non so quali sensazioni tu possa provare uscendo da una porta che si affaccia su un ospedale. E aprendo una finestra che dà su un cimitero?
Una brutta fabbrica o una discarica? L’abitudine all’indifferenza appresa con il passare del tempo, non deve lasciarti impassibile. Sono tutte situazioni che, finora non lo sapevi, possono incidere sul tuo benessere e condizionare il tuo umore. Le persone che non possono cambiare casa, si devono adattare, ma voglio dirti che il feng shui regala loro la possibilità di usare gli specchi per difendersi da alcune energie negative. Quando mi trovo ad affrontare questi problemi insieme ai miei clienti, consiglio di appendere uno specchio sulle pareti esterne dell’edifici, rivolgendolo verso le situazioni elencate, per respingere l’influenza negativa che hanno su di noi. Non servono specchi grandi, infatti, una dimensione di 20 cm di diametro è sufficiente Meglio che siano rotondi, perché amplificano le proprietà dell’elemento metallo, al quale appartengono gli specchi

Ora che hai capito come usare gli specchi nel feng shui per respingere le energie negative, ampliare quelle positive, attirare i favori, espandere il benessere, stimolare la creatività e rinforzare la leadership, ti invito a cercarmi nei miei canali social dove potrai leggere le mie “gocce di feng shui” e seguire la rubrica “feng shui in un minuto” dove condivido tips facili da mettere in pratica velocemente per cominciare a sentirti meglio.

Se ti è piaciuto questo articolo leggi anche come disporre le piante secondo il feng shui.

Carriereit_Banner_01
Pin
0 Condivisioni