Le piante secondo il feng shui

Tra tutti gli oggetti del feng shui, le piante sono facilissime da usare. In questo articolo spiego come trarne il massimo beneficio, sia che siamo pollici verdi collaudati, sia che abbiamo perso la fiducia nella nostra capacità di occuparci di alcune piante viventi. La bella notizia è che, nel feng shui, piante vere e piante finte, hanno la stessa valenza energetica.

Benefici

Sono molteplici i benefici che possiamo provare sulla nostra pelle grazie a un corretto utilizzo delle piante secondo il feng shui. Per aumentare la sensazione di benessere in una stanza, in una casa o negli uffici di un’azienda, è sufficiente adottare alcuni di questi verdi esseri viventi, ma, oltre all’impressione di sentirsi subito meglio, come possono esserci d’aiuto?

Il feng shui ci insegna quali sono i vantaggi principali del circondarsi di piante:

  • stimolano l’espansione;
  • favoriscono la crescita dei nostri business;
  • assorbono l’inquinamento indoor;
  • proteggono gli affacci dalle visioni sgradevoli;

Il feng shui attribuisce alle piante uno straordinario potenziale. Nel loro Qi – l’energia vitale che plasma e permea tutto – è racchiusa la capacità essenziale: crescere ed espandersi all’infinito. Le querce secolari dei grandi parchi americani, nonostante il loro gigantismo, crescono ininterrottamente, foglia dopo foglia. La loro natura intrinseca, devota all’espansione, porta un certo vantaggio per coloro i quali vogliono evolvere come persone ed espandere il loro business.

Talvolta basta veramente poco: una piccola pianta posizionata sul lato della nostra scrivania, oppure un vaso con un anthurium appoggiato a terra, così come un pothos ricadente da una mensola della libreria, diventano piccoli accorgimenti che aumentano l’energia dei nostri spazi abitativi. Per beneficiare al massimo degli aspetti positivi dell’uso delle piante secondo il feng shui, è ideale disporle nell’angolo a est-sud-est delle stanze, cosicché rientrino in risonanza con il potenziale energetico dell’elemento legno, proveniente da queste direzioni geografiche.

Tra le qualità maggiormente note delle piante, la capacità di assorbire l’inquinamento indoor è molto conosciuta. Devi sapere che gli ambienti interni sono spesso più inquinati rispetto a quelli esterni. A causa dell’impiego di materiali nocivi per la costruzione degli arredi e dei campi elettromagnetici provocati dai nostri dispositivi elettronici, viviamo in una nube tossica.

le piante secondo il feng shui

Conviene adottare una delle piante che secondo il feng shui sono più indicate per depurare le nostre case e i nostri uffici: Sanseveria e Tillandsia sono perfette vicine alle postazioni lavoro, ma anche la Dracena, il Ficus Benjamina e lo Spatifillo assolvono egregiamente questo ingrato compito, donando aria pulita e ossigeno in abbondanza per respirare meglio e aumentare la capacità di concentrazione.

Piante buone e cattive

Avrai notato che ho consigliato alcune piante particolari. Nel feng shui, infatti, si possono distinguere piante buone e cattive. Fortunatamente, la maggioranza delle piante coltivabili appartengono alla prima categoria e il feng shui ne raggruppa solo alcune nella seconda. Accomunate da una caratteristica facilmente riconoscibile, le piante grasse sono sconsigliate a causa dei glochidi di cui sono costellate. Le spine delle cactacee diventano accumulatori di energia e hanno il potere di proiettarla nello spazio circostante, lanciando piccole frecce intrise di energia negativa tutt’intorno.

Per quanto ti possano piacere, puoi sicuramente usarle per ornare le tue stanze, ti raccomando, però, di evitare posizioni vicine agli spazi nei quali stazioni, quali le postazioni lavoro, il tavolo da pranzo, la cucina, il letto e il divano dove ti rilassi con un buon libro in mano o guardando la tua serie tv del cuore.

Offerta
Il nido dell'anima
18 recensioni a 5 stelle in un mese dalla pubblicazione. Dedicato alle persone in evoluzione, oltre che agli appassionati di home decor e interior design, questo libro ti fa crescere insieme alla protagonista mentre ristruttura la sua casa guidata dall’autrice, architetta Feng Shui e progettista di nidi dell’anima, per farti stare bene

Secondo il feng shui, ogni volume appuntito è cattivo foriero. Le superfici che lo formano, sono l’ambite dal Qi, l’energia vitale che anima tutto, cose e persone, e che nel caso di forme spigolose e puntiformi, lo trasforma in frecce energetiche nocive, comunemente chiamare Sha Qi. Stazionare nei presso di una o più frecce non è una scelta saggia, perciò cerchiamo di starcene lontani dalle piante del feng shui cattive e dalle loro spine che, non so a te, ma a me fanno una certa impressione.

Banner la spa del business

La buona notizia è che cactus e famiglia possono essere usati per attaccare il nemico. Mi spiego, non sono solita dare consigli di feng shui di tipo aggressivo, tanto meno quando ci sono in ballo elementi adorabili quali le piante, che amo.

Possiamo seguire l’esempio dei feng shui master, che spesso affiancano gli architetti dei più avveniristici grattacieli di Hong Kong e Shangai, per costruire immobili commissionati da grandi aziende bancarie, intenzionate a colpire i competitors a suon di frecce Sha Qi, create grazie a un uso sapiente di forme aggredenti. Loro creano puntali architettonici diretti verso gli edifici limitrofi, tu puoi servirti delle spine dei cactus per indebolire i vicini nemici, esponendo le cattive piante del feng shui in direzione delle loro abitazioni. Non dire a nessuno che te l’ho consigliato io, però!

le piante secondo il feng shui

Dove posizionarle

Un’altra cosa bella che le piante del feng shui fanno, è proteggerci dagli scenari sgradevoli sui quali si affacciano le nostre finestre. Ora ti spiego dove posizionarle. Dobbiamo fare attenzione particolarmente a edifici fatiscenti, cimiteri, ospedali, hospice, case di cura e di riposo. Se intendi utilizzare le piante per questo scopo, sappi che puoi agire sia dentro che fuori casa.

All’interno, puoi creare una composizione di piante che coprano la vista almeno fino all’altezza degli occhi e sfruttando la regola del triangolo per raggiungere un’armonia estetica. Scegli tre piante di tuo gradimento, tra le specie che preferisci, e disponile in modo che le due laterali siano più basse di quella centrale che deve spiccare, ma che non abbiano necessariamente la stessa altezza.

Esternamente, puoi adottare lo stesso sistema per disporre le piante secondo il feng shui nei balconi e nelle terrazze. Se la tua casa o la tua azienda sono circondate da un giardino, invece, puoi giocare con gli alberi e gli arbusti, così da costruire delle quinte naturali delle quali beneficiare ogni volta che alzi il naso dal computer o getti lo sguardo oltre.

Abbiamo già detto che, secondo il feng shui è orientata a e est-sud-est la zona migliore della casa e del giardino, nella quale disporre le piante. Qui, entrano in sinergia con il potenziale energetico naturale dell’elemento legno che vibra all’unisono con la forza dinamizzante dell’alba, aumentandone il potere essenzialmente benefico. A casa tua, ma anche in azienda, trova il modo per creare una zona verde in questa direzione geografica e se vuoi espandere il benessere ovunque, disponi un piccolo “ripetitore verde” nell’angolo est o sud-est di ogni stanza, adottando una delle piante feng shui che ho menzionato in questo articolo.

Ora che hai capito come usare le piante secondo il feng shui, segui i miei consigli e se hai dubbi, curiosità o incertezze, contattami presso i miei canali social. Ti aiuterò con piacere a comprendere meglio come beneficiare di questi meravigliosi esseri verdi.

Se ti è piaciuto questo articolo scopri come usare il feng shui per arredare la tua casa.

Carriereit_Banner_01
Pin
0 Condivisioni