Creme solari: quali scegliere?

Finalmente l’estate sembra arrivata e chi non ha prenotato una vacanza al mare o in montagna? Prima di partire dovete assolutamente sapere tutto sulle creme solari: quali scegliere è fondamentale per proteggere la nostra pelle da spiacevoli inconvenienti.

Prima di tutto voglio ricordarvi che i raggi ultravioletti, oltre a tanti poteri benefici, hanno sulla pelle degli effetti nocivi che in una scala di gravità vanno da:

  • invecchiamento cutaneo;
  • discromie cutanee (macchie s cure);
  • eritema;
  • melanoma.

Perché allora non proteggerci in modo da avere una abbronzatura dorata e duratura, evitando tutti i rischi che oltre a compromettere il risultato finale del nostro colore danneggiano anche la nostra salute?

In questo articolo vi spiego come fare, troverete:

  • protezione bassa SPF 6-10;
  • creme solari a protezione media;
  • protezione alta SPF 30-50;
  • creme solari a protezione molto alta.

Il nostro organismo, macchina meravigliosa, ha già una protezione naturale che è la melanina. Quando attivata conferisce un colore più scuro, la agognata abbronzatura, alla nostra pelle proprio per difenderla dagli ipotetici danni causati dai raggi solari.

Questa protezione da sola non è sufficiente e dobbiamo ricorrere all’aiuto delle creme solari.

Vi siete mai chiesti che cosa significhi SPF che è presente su tutte le confezioni di creme e oli solari?

SPF è l’acronimo di Sun Protection Factor, in lingua italiana il fattore di protezione solare, che ci indica il tipo di protezione più consono alla nostra pelle.

Vediamo insieme le varie tipologie di filtri solari e a chi sono adatti.

abbronzatura sana con le creme solari
photo di Antonio Gabola su Unsplash

Protezione bassa SPF 6-10

Usiamo il buon senso prima di ogni esposizione ricordando che le creme solari sono di grande aiuto per proteggerci dai raggi ultravioletti, ma non sono in grado di evitare danni se le utilizziamo in modo scorretto.

Andrebbe quindi evitato di:

  • esporsi ai raggi solari nelle ore più calde della giornata;
  • iniziare con esposizioni prolungate, soprattutto i primi giorni;
  • esporsi al sole dopo il bagno se non abbiamo spalmato nuovamente la crema;
  • utilizzare creme solari vecchie: sembra che ogni anno la loro efficacia si riduca del 40%.

Il SPF indica il tempo di esposizione ai raggi solari prima di avere un eritema. Se ho una resistenza di 15 minuti prima dell’insorgenza dell’eritema, con una crema con fattore di protezione 6 avrò un tempo di 6 volte maggiore prima di arrivare all’eritema.

La scelta della crema a schermo solare dovrebbe essere fatta anche in conseguenza del nostro fototipo.

Il fototipo è una classificazione usata in medicina che determina la quantità (e anche la qualità) della melanina presente nella nostra pelle, si va dal fototipo I con pelle molto chiara al fototipo VI che incarna una pelle molto scura.

Molti credono che il fototipo VI (tipico delle persone di colore) non abbia bisogno di protezione, ma questo è un errore. Chi appartiene a questa categoria può usare le creme solari con protezione bassa: SPF 6-10 (che per legge è il minimo consentito a un prodotto per essere considerato protettivo) per prevenire l’invecchiamento cutaneo.

Chi può usare il fattore di protezione basso?

  • Le persone di colore;
  • le persone che lavorano all’aria aperta e che sono già abbondantemente abbronzate;
  • le persone con fototipo IV e V se sono agli ultimi giorni di vacanza e quindi già abbronzate.

Questo fattore di protezione è assolutamente da evitare:

  • nelle persone con fototipo I, II, III anche dopo un lungo periodo al mare o in montagna;
  • nei bambini;
  • negli anziani.
creme solari: quali scegliere
photo di Maciej Serafinowicz su Unsplash

Creme solari a protezione media

Le creme solari a protezione media sono quelle con SPF da 15 a 25.

La protezione media è consigliata a un fototipo IV e V, cioè persone con carnagione olivastra, che si abbronzano facilmente e che difficilmente sviluppano un eritema.

Le persone con questo fototipo hanno già il loro schermo protettivo naturale dato dalla melanina presente sulla pelle, la crema solare stimola la nuova formazione e protegge dai danni che favoriscono l’invecchiamento cutaneo. Alcune sostanze presenti nelle creme combattono i radicali liberi che sono i veri responsabili dell’invecchiamento della pelle e stimolano la produzione di collagene, il sostegno del nostro tessuto cutaneo.

Chi ha queste caratteristiche facilmente sviluppa macchie scure, per questo motivo evitate tutte le creme e gli oli solari che sono fotosensibili, cioè tutte quelle che contengono retinoidi o suoi derivati (vitamina A).

Solitamente le persone che si abbronzano facilmente tendono a minimizzare i danni causati dai raggi solari, per questo motivo vi raccomando di:

Banner Bloginrete LeROSA
  • spalmarvi la crema protettiva ogni 2 ore;
  • spalmarvi la crema dopo ogni bagno;
  • assicurarvi di avere coperto con la crema tutto il corpo: orecchie e piedi compresi;
  • controllare la data di scadenza della crema che state usando.

Protezione alta SPF 30-50

La crema con fattore di protezione alto è la crema consigliata al fototipo III, vale a dire persone con pelle chiara, ma con occhi marroni o verdi e capelli castani. Soggetti che si abbronzano, ma che devono stare molto attenti perché si scottano facilmente.

Il problema che evidenziano i dermatologi, e per il quale motivo consigliano sempre di utilizzare un fattore di protezione più alto, è che non siamo in grado di utilizzare le creme solari nel modo giusto.

Ecco i problemi più frequenti:

  • utilizzo inferiore a quello richiesto per una protezione adeguata, in poche parole mettiamo poca crema;
  • utilizzo sbagliato della crema, non viene spalmata bene su tutto il corpo;
  • non si osserva il tempo necessario per essere assorbita, che corrisponde a 15-30 minuti prima dell’esposizione.

Le persone con fototipo III possono utilizzare creme con protezione 50 nei i primi giorni di vacanza e diminuire fino a 30 quando  è già evidente l’abbronzatura.

Tutte le persone che utilizzano una crema solare con protezione alta hanno paura di non abbronzarsi, in realtà è più facile abbronzarsi in modo sano.

Offerta
La crema solare per la tua pelle
Per mantenere la tua pelle idratata e protetta dai danni solari, utilizza la crema a protezione 30 che ti permetterà di mantenere la tua abbronzatura luminosa e duratura.

L’abbronzatura dipende dalla quantità di melanina nella nostra pelle e da quella che riusciamo a produrre stimolati dalla crema solare, se abbiamo la pelle chiara la nostra abbronzatura sarà più dorata e meno intensa. Questo è un dato di fatto e non c’è nulla che voi possiate fare per diventare scuri come chi ha un fototipo V.

Se può consolarvi, l’abbronzatura selvaggia come negli anni ’70 non è più di moda, un colorito dorato sa più di salute e l’utilizzo costante delle creme solari è una garanzia per una pelle più liscia e vellutata.

creme solari quale scelta
photo Unsplash

Creme solari a protezione molto alta

Le creme solari a protezione molto alta sono quelle caratterizzate da SPF 50+.

Le persone con carnagione molto chiara (fototipo II) e quelle con carnagione lattea (fototipo I) sono quelle persone che si abbronzano difficilmente, ma che molto facilmente vanno incontro a eritemi e danni cutanei.

La crema a protezione molto alta garantisce una certa tranquillità, ma dovete ricordarvi di

  • idratare il vostro corpo prima dell’esposizione per dare tempo alla crema di essere in parte assorbita (15-30 minuti);
  • evitare l’esposizione nelle ore più calde della giornata;
  • assicurarsi di avere coperto con la protezione tutto il corpo: orecchie, mani, piedi, parte posteriore del collo e delle ginocchia;
  • iniziare in modo graduale l’esposizione che deve essere nei primi giorni maggiore di 10/20 minuti;
  • utilizzare la crema solare anche se state sotto l’ombrellone;
  • spalmare la crema dopo ogni bagno anche se dichiarata idrorepellente;
  • coprirvi con indumenti, occhiali e cappello se andate a fare una passeggiata lungo la spiaggia.

Se appartenete al fototipo II potete passare dopo qualche giorno da protezione 50+ a 50, se invece rientrate in pieno nel fototipo I dovrete utilizzare la 50+ per tutto il periodo della vostra vacanza.

Per essere sicura che facciate tutto secondo regola, vi informo che il sole picchia di più:

  • nelle giornate con tasso d’umidità più alto;
  • in montagna;
  • nei mari tropicali.

È utile sapere che quando parliamo di SPF parliamo di protezione contro i raggi Ultra Violetti di tipo A (UVA), le creme che contengono anche la protezione contro gli UVB, che è importantissima, sono quelle ad ampio spettro.

 

 

0 Condivisioni