Guida definitiva per imparare l’inglese

Quante guide per imparare l’inglese hai consultato? Forse non ne hai mai comprata una cartacea, o forse ne hai comprata solo una tanto tempo fa per capire da dove iniziare per preparare quell’esame difficile o quando stavi per fare quel viaggio importante.

Sicuramente più di una volta, invece, hai cercato qualcosa a riguardo su internet e tra i vari siti che propongono mille soluzioni. Hai attinto informazioni qua e là, appuntato consigli, opinioni, hai provato vari metodi. Ma che confusione! Com’è difficile orientarsi in questo mare di informazioni.

Nella maggior parte dei casi si parla sempre delle stesse cose che sembrano semplici abitudini da inserire nelle nostre routines quotidiane ma in pratica non si riesce a capire bene cosa fare esattamente e ci rendiamo conto che mettere in pratica questi spunti non è proprio la cosa più naturale del mondo. Istruzioni troppo semplici in cui molte cose vengono date per scontate oppure compiti che prendono troppo tempo e che rimandiamo ad oltranza.

Questo articolo ovviamente non ha la presunzione di essere la tua guida definitiva per imparare l’inglese ma ti aiuterà a capire come destreggiarti in questo mare di informazioni per avere un risultato soddisfacente e raggiungere i tuoi obiettivi nel minor tempo possibile. Un metodo efficace insomma che può darti risultati concreti.

Come imparare l’inglese velocemente

Imparare l’inglese velocemente è sicuramente l’obiettivo di molti. Di tutti direi. Dopo una vita passata a studiare per un lavoro ed un settore specifico ci si rende conto che all’improvviso parlare in inglese è diventata una necessità. E lì insieme alla necessità arriva anche l’urgenza di imparare la lingua. Allora vediamo insieme quali sono le cose da mettere in pratica da subito per imparare l’inglese velocemente:

  1. Studia almeno per 15 minuti al giorno. Tutti i giorni? Si. Molti consigliano di studiare almeno un’ora al giorno. C’è davvero chi impara l’inglese in 15 minuti? Si. Ma inteso come 15 minuti al giorno! Segnalo in agenda come se fosse un appuntamento fisso.
  2. Riprendi una regola della grammatica inglese alla volta ed inizia ad usarla subito con degli esempi concreti.
  3. Impara le parole che usi nella tua vita quotidiana. Bisogna iniziare ad imparare quello che ci serve nell’immediato. Ci sarà sicuramente tempo e modo di ampliare il tuo vocabolario e di inserire le espressioni che ti piacciono così come non mancherà occasione di usare i temuti ed ambiti phrasal verbs; ma se sei all’inizio devi partire da quello che di cui hai bisogno poter comunicare subito e avere la soddisfazione di poter fare un po’ di conversazione in lingua inglese!
  4. Impara frasi intere non parole singole. E’ più semplice per il nostro cervello ed è più utile per noi. Il nostro cervello tende a memorizzare i vocaboli facilmente, è vero ma le parole singole tendono ad essere dimenticate o associate alla lista in cui le inseriamo mentre le frasi intere si ricordano più facilmente e ci permettono anche di usare correttamente le parole singole.
  5. Leggi quello che ti interessa in lingua inglese. Che siano articoli di giornale o libri interi, leggi. Cerca qualcosa che riguardi le tue passioni, i tuoi interessi e coltivali anche attraverso la lettura. Molto utili e magari più scorrevoli all’inizio sono le letture bilingue.  
  6. Guarda le serie TV in inglese con i sottotitoli in inglese. Prova anche a rivedere lo stesso episodio.
  7. Studia la tua canzone preferita. Leggi il testo, cerca i vocaboli che non conosci e soprattutto, dopo averlo fatto, canta! Oltre ad aver allenato il tuo inglese avrai anche ricevuto una sferzata di buon umore!  
  8. Parla! Trova un amico con cui studiare e parlare insieme in inglese. Essere entrambi in una fase di apprendimento vi aiuterà tanto perchè è stimolante e divertente.


Quale certificazione inglese è la migliore

Un altro mare in tempesta può essere quello in cui ci si ritrova nel momento in cui si deve capire quali sono gli esami che devi sostenere per certificare il tuo livello di inglese. Ne abbiamo di diverso tipo e la maggior parte di essi sono molto simili tra loro anche se non uguali. Le differenze che troviamo tra i vari esami di inglese possono riguardare il numero di prove da sostenere, la valutazione che si riceve, la durata del certificato, il modo in cui vengono valutati i diversi tipi di certificato e non ultima quella che riguarda il prezzo.  In Italia al momento il tipo di esame più consigliato è la certificazione Cambridge English. Articolata in vari livelli che vanno dall’ A1 al C2 è sicuramente quella più conosciuta.

In particolare, riguardo al settore lavorativo,  si richiede almeno una certificazione di livello B2 che, nel quadro degli esami Cambridge,  corrisponde al B2 FCE First, mente in ambito puramente scolastico è spesso sufficiente anche una certificazione di livello B1 Preliminary. Se si vuole inserire invece questa certificazione in un curriculum da mandare ad aziende internazionali è sicuramente più conosciuto e rinomato L’Ielts.


Dove studiare inglese all’estero

I paesi in cui si parla inglese sono davvero tanti e la scelta può essere davvero ardua. Bisogna tenere conto di tanti fattori personali. Le desinazioni che io consiglio sono tre:

  • Regno Unito ed Irlanda: se si vuole stare fuori per un periodo anche breve e si conosce già un pò la lingua. Ideali per il periodo estivo in partiolar modo nei mesi di luglio ed agosto sia per la temperatura che per il fatto che sono mete non troppo invase dal turismo stagionale di massa. Londra rimane sicuramente la meta più ambita, intramontabile. Ma, se volete partire principalmente per praticare la lingua inglese, io vi suggerirei una cittadina più piccola in cui c’è una maggiore possibilità di entrare in contatto con gli abitanti del posto e quindi di fare una vera e propria full immersion nella lingua e nella cultura locale. 
  • Stati Uniti: sono una ottima alternativa se il periodo che possiamo trascorrere all’estero è più lungo anche perchè tra jet lag, cultura diversa e distanze, enormi per noi italiani, avremo sicuramente bisogno di un tempo più lungo per poterci ambientare ed entrare nel vivo della nostra esperienza. Anche in questo caso il consiglio è sempre quello di cercare dei contesti poco turistici e frequentati da persone del posto in modo da cogliere ogni occasione per praticarela lingua e, perchè no, magari far nascere qualche bella amicizia.
  • Poco menzionata ma ideale per imparare l’inglese e meravigliosa sia in primavera che in autunno è Malta. Eh già, anche a Malta si impara l’inglese. Qui le lingue ufficiali sono addirittura due: l’inglese ed il maltese ma si parla anche molto l’italiano. Ottima per chi viaggia da solo e non avendo ancora molta familiarità con la lingua vuole sentirsi al sicuro. Per vari motivi la sconsiglierei nei mesi di luglio ed agosto soprattutto se si vuole abbinare l’utile al dilettevole quindi l’uso della lingua con una bella vacanza al mare.   

La grammatica inglese

Non credere a chi ti dice che la grammatica non serve o che si può imparare una lingua senza studiare la grammatica. Semplicemente non è vero. E non è vero neanche che la grammatica inglese è contorta e misteriosa. Lo so, può sembrare noiosa soprattutto per chi ha già studiato inglese a scuola ed ha ripetuto gli stessi concetti mille volte senza poi avere l’opportunità di metterli in pratica concretamente.

Ma non è così. Innanzitutto dobbiamo prendere coscienza del fatto che per i livelli base di conoscenza della lingua la grammatica inglese è molto più semplice di quella italiana o spagnola ad esempio e che conoscendo pochi vocaboli base si possono già iniziare a fare delle brevi conversazioni. La cosa che può essere un pò un ostacolo è il fatto che i tempi verbali in alcuni casi vengono usati in modo diverso da come li usiamo noi in italiano e quindi ecco, bisognerà cambiare un pò la nostra mentalità, entrare in delle logiche, modi di pensare diversi dai nostri che, se ci pensiamo bene, sono in realtà delle sfide interessantissime. E poi un uso corretto della grammatica ci serve, oltre a non essere fraintesi, a liberarci da quei dubbi e quelle insicurezze che ci bloccano o ci fanno diventare esitanti nel momento in cui ci avventuriamo in una vera e propria conversazione. Una buona base di grammatica ci darà la sicurezza e la serenità necessarie per diventare fluent.


Imparare l’inglese conversando

Sicuramente uno degli strumenti più importanti per imparare una lingua è la conversazione. E lo è per diversi diversi motivi. Innanzitutto è l’esercizio più completo: durante la conversazione infatti si esercita l’ascolto, la comprensione, si mette in atto la propria capacità di esprimersi, si usa il vocabolario imparato e si apprendono parole nuove. Tutto questo lo si fa molto più velocemente che non in una produzione scritta e quindi ci aiuta anche a diventare fluenti in tempi più brevi.

Una semplice chiacchierata in lingua inglese, infatti, anche se partiamo da un livello iniziale di conoscenza della lingua ed indipendentemente dal nostro interlocutore, ci fa prendere coscienza delle cose che abbiamo già imparato e consolidato e ci mette di fronte ai nostri dubbi reali, facendoci percepire realmente quali sono le cose su abbiamo bisogno di lavorare di più.

Inoltre, una conversazione rilassante  e divertente ci permette di  memorizzare più facilmente i termini nuovi, imparare come usarli in un contesto, ma anche di individuare quali sono quelli che ci necessitano davvero nell’immediato e quindi quelli a cui dobbiamo dare priorità nel nostro percorso di apprendimento. Ultima ma non meno importante la gratificazione che ci portiamo a casa dopo aver messo in pratica quello che abbiamo imparato e che si tradurrà in un entusiamo che ci spingerà ad affrontare con grinta anche le parti più ostiche del nostro percorso di studio.  


La pronuncia inglese

Quando parliamo di pronuncia inglese, di base la difficoltà maggiore sta nel fatto che nella lingua inglese sono presenti dei suoni che in italiano semplicemente non esistono. Questa è la prima cosa che abbiamo bisogno di sapere. Quello di cui abbiamo bisogno quindi è far si che questi suoni nuovi diventino per noi familiari ed il modo più semplice ed immediato di farlo è metterci nella situazione di ascoltare il più possibile persone che parlino in lingua inglese.  

Oggi con l’avvento di internet questo non è più così difficile: si impara l’inglese con un film, e tra serie tv, podcasts, telegiornali abbiamo una ampissima scelta. Troppo ampia. Ancora una volta ci ritroviamo confusi e disorientati perchè sentiamo la stessa parola pronunciata in modi diversi e non sappiamo quale sia quella giusta. Come uscire da questo dilemma?

Le recenti statistiche ci dicono che la lingua inglese come lingua ufficiale e come seconda lingua sia parlata in circa 70 nazioni del mondo e anche se la lingua più parlata al mondo rimane comunque lo spagnolo, la lingua inglese ad oggi è sicuramnte quella più imparata in assoluto. Cosa significa questo? Significa che a seconda della nazione in cui viene parlata la lingua avremo una pronuncia diversa, un accento diverso ed a volte addirittura delle parole diverse. Cosa fare? Una scelta. La scelta consigliata è tra American English e British English. Scegli qual’è il tipo di inglese che ti piace di più e prendilo come riferimento per il tuo apprendimento della lingua.  


Quali sono i problemi che abbiamo ad impararlo

Per noi italiani il problema principale è la pronuncia. L’italiano è una lingua fonetica e fin da piccoli ci viene giustamente insegnato che dobbiamo scandire bene ogni singola lettera presente all’interno delle parole. Educati in questo modo nel momento in cui ci troviamo di fronte alle parole in lingua inglese che si pronunciano con dei suoni che accorpano più lettere insieme andiamo in confusione. A volte infatti, ci troviamo addirittura di fronte a parole in cui un suono solo corrisponde anche a ben 5 lettere insieme! E quindi abbiamo bisogno di tempo per entrare in questa nuova ottica. Un altro importante ostacolo è che l’inglese in Italia “non ti capita”. Mi spiego meglio, in Italia guardiamo i film in lingua italiana, leggiamo i girnali in italiano, facciamo tutto con la lingua italiana. Se vuoi imparare una lingua straniera te la devi andare a cercare. Devi capire cosa ti serve, cercare il materiale adatto al tuo scopo, devi capire come usare queste cose e poi finalmente sarai pronta ad organizzare le tue giornate in modo da prevedere un tempo da dedicare all’apprendimento della lingua. Non è semplice fare tutto questo da soli. Abbiamo bisogno di essere guidati da chi di competenza ed anche li, trovare l’insegnante giusto che non si limita alla semplice ripassata di grammatica non è così scontato.

0 Condivisioni