LE ALTERNATIVE GREEN AL TRADIZIONALE LANCIO DEL RISO

Lancio del riso: 5 alternative

Al grido di “auguri agli sposi”, grandi e piccini presto parteciperanno al più atteso tra i gesti beneauguranti: il lancio del riso

Avete mai pensato di sostituire il tradizionale lancio del riso con un’ecoidea? Vogliamo incuriosirvi per trovare un’alternativa, ugualmente festosa e beneaugurante, rispettosa dell’ambiente e della natura.

Ecco pronte cinque alternative al lancio del riso che renderanno la tua festa di nozze un mix sostenibile di elementi tradizionali, creativi ed originali. Pensateci.

Il fotografo ha appena scattato la foto più istituzionale, quella in cui gli sposi straripanti di gioia si sono messi in posa accanto al sacerdote o all’ufficiale di stato civile. Sciolte le righe i novelli coniugi si appresteranno ad uscire dal luogo della cerimonia, pronti ad affrontare la folla festante di parenti ed amici.

Nessuna cerimonia, religiosa o civile, che celebra l’amore eterno può prescindere da questo rito collettivo; del resto, questo gesto che di fatto segna la conclusione della celebrazione nuziale si veste un duplice significato: per gli sposi ha un valore liberatorio, utile ad alleggerire la solennità del rito appena svolto, per gli invitati è una sorta di segno convenzionale che tramuta la commozione in pura allegria e nel desiderio di far festa.

1. Petali e piccoli semi

Per il lancio del riso, è gioioso, benaugurante e al tempo stesso ecofriendly avvolgere gli sposi con una nuvola di petali e di piccoli semi.

I petali, freschi o essiccati, bianchi o colorati, creano un effetto scenografico perfetto mentre cadono lentamente, come il volo delicato di mille farfalle, sul velo e sulla giacca scura dello sposo. Immaginate la scena, non è suggestiva? E poi, agli occhi piacevolmente meravigliati degli invitati si aggiungerà l’obiettivo del fotografo che, conquistata la posizione più favorevole, sarà lì, pronto a trasformare quel momento nello scatto più artistico della giornata.

Con i petali ed i semi il secolare rito propiziatorio di fortuna e prosperità si riempirà di un significato più attuale e profondo:

L’amore degli sposi può essere sublimato dall’amore per il creato.

Infatti, questo lancio alternativo elimina lo spreco di riso e contribuisce a sfamare gli uccellini. Nessuno di noi ama sprecare il cibo e, anche se accadesse per una sola volta, non sarebbe comunque accettabile; non è più sufficiente trincerarsi dietro il rifugio comodo delle tradizioni, soprattutto se la sensibilità sociale è profondamente mutata e se vi sono alternative.

Dunque, niente sprechi di cibo, piuttosto i semini caduti a terra contribuiranno a nutrire gli uccelli che inconsapevoli godranno dell’inaspettato banchetto.

Per amplificare l’effetto “green” del lancio di fiori e di semi, vi consigliamo di confezionare coni portasemi in carta riciclata e rifiniti con sottili nastri di cotone o di raso rigorosamente made in Italy. Inoltre, se il tema delle nozze lo consente, provate a realizzarli con vecchi fogli di carta musicale: creerete un angolo scenografico che non passerà inosservato.

Gli sposi più romantici troveranno irresistibile l’alternativa dei i coni portasemi arricchiti dalla stampa di versi d’amore di Neruda o di Hikmet. Una preziosa raccomandazione: assicuratevi sempre che l’inchiostro utilizzato sia ecocompatibile.

Se invece desiderate personalizzare i coni con i monogrammi dei vostri nomi, perché non utilizzare un timbro artigianale disegnato e realizzato esclusivamente per voi? Sarà il “logo” di un giorno memorabile in cui l’intreccio delle iniziali rappresenta l’unione delle vostre vite. Lo stesso timbro inoltre risulterà utilissimo per personalizzare i cartoncini del menu, i biglietti di ringraziamento o le etichette delle bomboniere.

2. Boccioli di lavanda e foglie di ulivo

Eco-chic, originale ed intensamente profumato è il lancio di boccioli di lavanda e di foglie di ulivo.

Chi l’avrebbe mai pensato che dietro questa pioggia profumata e alternativa al lancio del riso, si celi un augurio dal contenuto fortemente simbolico? La leggerezza evocata dal profumo di lavanda si intreccia con la tenacia della pianta dall’ulivo:

L’augurio rivolto agli sposi contiene l’invito a far crescere la loro unione nel perfetto equilibrio tra la delicatezza con la determinazione.

La caratteristica insolita di questa alternativa green al lancio di riso sarà non solo l’effetto scenografico, ma anche la gradevolezza del profumo di lavanda che lascerà agli invitati un piacevole ricordo olfattivo: proprio quei boccioli intrappolati nei capelli o nelle pieghe degli abiti eleganti rievocheranno l’atmosfera festosa delle vostre nozze.

Se questa proposta suscita il vostro entusiasmo, non resta che appuntarvi sull’agenda un impegno con scadenza tra luglio e agosto. È l’autunno il periodo migliore per la raccolta della lavanda, ma il vero segreto per ottenere un risultato perfetto dal punto di vista cromatico è raccogliere la pianta quando i fiori non sono ancora dischiusi. Ecco come dovete fare:

  1. suddividete la lavanda in mazzetti;
  2. appendenteli a testa in giù con la sola accortezza di scegliere un luogo buio e ben ventilato;
  3. una volta pronti, sgranateli e riponete i boccioli dentro un sacchetto di cotone o di garza.

Sprigionerà un profumo intenso che si conserverà per mesi. A costo zero, a zero impatto ambientale, avrete i vostri boccioli di lavanda pronti per essere utilizzati.

Alla lavanda potreste aggiungere un tocco di verde argenteo, colore caratteristico delle foglie di ulivo; è preferibile utilizzare foglie fresche poiché rimangono integre e la loro forma lanceolata dà un effetto particolare al lancio.

Questa idea alternativa è molto più scenografica del solito lancio di riso e non toglie nulla all’effetto festoso, al contrario lo amplifica e lo rende più gioioso ed originale.

 In sintesi: NO allo spreco, SÌ al profumo della natura.

Vuoi farti conoscere attraverso il nostro blog?

Contattaci

3. Coriandoli di carta biodegradabile o di foglie

È sempre più frequente nei matrimoni l’utilizzo dei famigerati tubi spara coriandoli ad aria compressa che, al termine della cerimonia, sommergono gli sposi con mille pezzettini di carta colorata. In realtà la maggior parte delle volte, non si tratta affatto di coriandoli di carta, bensì di coriandoli realizzati con pellicola metallica.

A fronte di pochi secondi di colore, si crea un vero e proprio danno all’ambiente circostante poiché a causa delle loro piccole dimensioni risulta difficile recuperarli, disperdendo così nelle aiuole, nei tombini microplastica persistente e tossica. Senza contare poi che lo stesso tubo è monouso, ha parti metalliche e pertanto va ad alimentare il vasto mare di rifiuti superflui.

A proposito di mare, di romanticismo, di bellezza, sapete che il sindaco di Venezia, durante il Carnevale, uno degli eventi dei più apprezzati e visitati al mondo, ha vietato l’utilizzo dei tubi sparacoriandoli?

Questo oggetto insieme alle stelle filanti in plastica è stato ritenuto potenzialmente nocivo ed inquinante poiché fonte certa di microplastiche.

Pertanto se adorate l’effetto svolazzante dei coriandoli perché rinunciarvi se c’è un’alternativa green ed anche è a portata di mano?

Basterà acquistare coriandoli di carta biodegradabile, in rete troverete numerose proposte.

Se poi desiderate osare di più e se all’esterno del luogo ove avverrà la celebrazione vi è uno spazio verde ecco pronto un consiglio davvero extra-ordinario: dotatevi di una punzonatrice a forma di cuore e acquistate della carta piantabile.

Facendovi aiutare da qualche amica paziente e volenterosa, realizzate voi stesse i coriandoli per il vostro matrimonio; il risultato sarà stupefacente e non si esaurirà nel lancio alternativo, ma la vera sorpresa si paleserà a primavera dell’anno seguente quando i semini contenuti nella carta si saranno trasformati in delicati fiori colorati.

La tecnica della fustellatrice può essere utilizzata anche per realizzare coriandoli fai-da-te raccogliendo le foglie che la natura regala, in particolar modo quelle più spesse e resistenti tipiche di piante sempreverdi o quelle dai colori più vari e sfumati se avrete scelto l’autunno per pronunciare il vostro “Sì”.

4. Bolle di sapone

“Blu, le mille bolle blu. Blu, le vedo intorno a me. Blu, le mille bolle blu, che volano e volano e volano.” Un’alternativa al lancio del riso importata dagli Stati Uniti da molti anni oramai è l’utilizzo delle bolle di sapone. Quanto gli sposi siano consapevoli di aver scelto un’alternativa sostenibile e non aver seguito soltanto una tendenza non è facile a dirsi. In ogni caso la natura ne avrà tratto vantaggio e già questo risultano potrà ritenersi soddisfacente.

Soffiare le bolle di sapone, vederle volteggiare nell’aria e sperare che un soffio di vento le spinga verso gli sposi sarà motivo di divertimento per tutti gli invitati, adulti e bambini.

In realtà sarebbe un gesto di cortesia molto apprezzato prevedere comunque qualche confezione di bolle di sapone accanto ai coni portasemi o a qualsiasi altra alternativa al lancio del riso. 

Le grida festose e gli occhi divertiti dei bambini confermeranno che questa piccola attenzione riservata a loro, sia una scelta azzeccata. A onor del vero, quasi mai le nozze sono la festa preferita dai bambini, un po’ per le attese e i tempi lunghi, un po’ perché il banchetto senza un simpatico animatore che li intrattenga con giochi e matite colorate rischia di diventare una vera tortura per i più piccoli.

Se reperire un liquido per bolle non tossico e biodegradabile non è difficile, sarà piuttosto arduo trovare in commercio confezioni o contenitori al 100% biodegradabili e compostabili.

Per chi desidera un “effetto wow” lasciando stupefatti gli ospiti e mandando in sollucchero i bambini, il consiglio “furbo” è noleggiare una macchina sparabolle professionale: anche in questo caso il fotografo ve ne sarà grato perché il festoso momento dell’uscita degli sposi non si esaurirà nei pochi attimi del lancio tradizionale di riso anzi, con la luce opportuna, preferibilmente pomeridiana, lo scatto migliore sarà destinato ad essere un’intramontabile foto di famiglia.

5. Palloncini biodegradabili

Non proprio numerosi sono gli sposi che scelgono i palloncini come alternativa al lancio del riso. Per lo più si tratta di nozze meno formali in cui lo spirito giocoso degli sposi ispira i vari momenti che caratterizzano la festa nuziale.

Perché possano essere apprezzati come alternativa ecofriendly è necessario che i palloncini siano biodegradabili. Negli ultimi anni è possibile trovare in commercio palloncini ecologici che impiegano a degradare lo stesso tempo di una foglia di quercia e per la loro realizzazione non viene abbattuto nessun albero di lattice.

Non di rado gli sposi più romantici chiedono di legare al filo dei palloncini un cartoncino con frasi o versi d’amore, chissà forse qualcuno di questi messaggi affidati al vento potrà raggiungere un innamorato in cerca di conferme o di quel pizzico di coraggio necessario per dichiararsi alla sua bella!

Negli ultimi tempi si è diffusa la moda di collocare davanti all’uscita della chiesa o della sala municipale una particolarissima mongolfiera al cui interno sono racchiusi numerosi palloncini. Sarà compito della sposa far scoppiare impugnando una bacchetta appuntita la singolare mongolfiera e liberare così i palloncini che in pochi istanti, volteggiando, prenderanno il volo.

Se questa alternativa ecosostenibile è una scelta apprezzabile per chi voglia sostituire in modo giocoso e gioioso il tradizionale lancio del riso, da contrastare con decisione è la diffusione del lancio di lanterne volanti che vengono alzate in volo o al termine della cerimonia o dopo il taglio della torta.

Va detto chiaramente che le lanterne volanti sono oggetti tutt’altro che ecofriendly, infatti costituiscono un rischio reale per l’innesco di incendi boschivi e, quando atterrano, diventano materiale inquinante e pericoloso per l’ambiente e gli animali. Tant’è che alcuni paesi hanno disposto il divieto di vendita nazionale o il richiamo dal mercato di alcuni tipi di lanterne volanti in quanto contenenti al loro interno cordini in materiali di amianto.

Vivere nel rispetto dell’ambiente significa vivere con generosità; chi meglio di due persone che decidono di gettare un seme d’amore in un terreno ignoto potranno essere ambasciatori di un messaggio tanto rivoluzionario?

Vuoi scrivere all’esperta di questo articolo?

Contattaci

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email
Ecowedding Umbria

Ecowedding Umbria

Ecowedding Umbria è un progetto originale e dinamico, dedicato alle nozze ecosostenibili, con due anime: wedding planner, per organizzare matrimoni ecosostenibili, ed expo-sposi, la prima fiera in Italia dedicata alle nozze eco-friendly.

LeROSA è il mondo che si basa su tre pilastri: Ascoltare Collaborare Sorridere. Scopri come!

QUESTO BLOG NON COSTITUISCE UNA TESTATA GIORNALISTICA.
NON HA CARATTERE PERIODICO ED È AGGIORNATO SECONDO LE DISPONIBILITÀ E LA REPERIBILITÀ DEI MATERIALI.
PERTANTO NON PUÒ ESSERE CONSIDERATO IN ALCUN MODO UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N.62 DEL 2001.

 

Per conoscere tutte le possibilità di collaborazione e promozione della nostra realtà:

I NOSTRI PARTNER

Scoprirecosebelle è il progetto che si occupa del benessere e la felicità di chi lo segue.

Inkalce Magazine non è una semplice rivista, ma uno strumento di marketing che ha scelto noi per raccontare storie di impresa online.

Sostieni la nostra partnership con Crystal Eye Shop acquistando le opere delle nostre LeROSA artiste stampate su magliette, felpe e accessori


E per conoscere la Founder del progetto LeROSA, Giulia Bezzi, esperta SEO e Content Marketing, scegli i libri nei quali sono presenti i suoi contributi:

Sei dei nostri?

vuoi conoscere le nostre attività? Leggi la nostra newsletter.

Iscriviti ora