Biodegradabile e compostabile: glossario ambiente

Questo breve articolo propone una nuova voce per il nostro Glossario Ambiente: parleremo infatti della differenza tra  biodegradabile e compostabile.

Per chi non lo sapesse ancora, questa rubrica è una piccola palestra di ecologia e sostenibilità: alleniamo la nostra sensibilità e la nostra consapevolezza sui temi ambientali partendo dalle parole che usiamo per raccontarli.

Le parole possono essere proiettili, ma possono anche essere squadre di soccorso.
(Jón Kalman Stefánsson)

Biodegradabile e compostabile.

Questi due aggettivi, spesso usati come sinonimi, hanno una differenza sostanziale che è data dal tempo. Conoscerla è fondamentale anche per evitare errori quando si fa la raccolta differenziata : non è detto infatti che ciò che è biodegradabile sia anche compostabile.

Si definisce biodegradabile qualsiasi elemento che, sottoposto all’azione di batteri, luce solare e altri agenti fisici naturali, si scompone in composti chimici semplici come acqua, anidride carbonica, metano.

Di fatto, qualsiasi materiale può biodegradarsi: è solo questione di tempo.
Ed è proprio qui che la normativa europea (EN 13432 del 2002) mette dei paletti: un elemento può essere definito biodegradabile solo se è in grado di decomporsi almeno del 90% entro 6 mesi .

Un materiale compostabile, invece, non è soltanto biodegradabile: degradandosi si trasforma in compost, fertilizzante naturale utilizzabile in agricoltura. E ancora una volta è il tempo a definire (sempre secondo la normativa europea) cosa è compostabile e cosa non lo è: per essere compostabile, un elemento deve decomporsi almeno per il 90% entro 3 mesi .

Il compostaggio può essere praticato a livello domestico, su piccola scala, oppure a livello industriale, utilizzando sia rifiuti organici domestici che rifiuti delle lavorazioni agricole e di altri settori. In questo caso, è necessario che avvenga in impianti dedicati, in grado di garantire la corretta gestione del processo.

Possiamo usare i sacchetti della spesa per la raccolta del rifiuto organico?

Usare i sacchetti della spesa per la raccolta del rifiuto organico è possibile, ma soltanto se

  • riportano entrambe le definizioni, “Biodegradabile e compostabile”;
  • fanno riferimento alla norma europea (UNI EN 13432:2002);
  • hanno almeno un simbolo di un ente certificatore.
Offerta
Tutto ruota. Viaggio nel mondo dell'economia circolare di Luciano Canova e Fabrizio Iaconetti
Tutte noi de LeROSA conosciamo Luciano per la sua grande sensibilità per il mondo: ascoltarlo, leggerlo, conoscerlo è una delle nostre grandi fortune! Non perdete l'occasione di scoprirlo, insieme a Fabrizio Iaconetti

Se invece il sacchetto riporta soltanto la scritta “biodegradabile” va smaltito assieme alla plastica.

Conoscevi già questa differenza? Non è così improbabile.

Secondo l’edizione 2018 del Rapporto Rifiuti Urbani di ISPRA, infatti, noi italiani ce la caviamo piuttosto bene con la raccolta differenziata. Ricicliamo già ora il 67,5% degli imballaggi, quando le direttive europee più recenti hanno fissato come obiettivo il 65% entro il 2025.

La sfida che ci aspetta è fare ancora meglio.

[Photo by Paweł Czerwiński on Unsplash]

0 Condivisioni