Resilienza: glossario ambiente

Questo articolo esplora ancora una volta una parola legata alle tematiche ambientali, così attuali in questo periodo.
La parola di oggi è resilienza.

È importante far crescere la nostra sensibilità verso i temi ambientali e di sostenibilità attraverso la costruzione di un linguaggio condiviso: un passo piccolo, ma fondamentale per conoscere, comunicare, agire.

Le parole hanno il potere di distruggere e di creare. Quando le parole sono sincere e gentili possono cambiare il mondo.

Buddha

[OK, qui – ormai lo sapete – parte la sigla di Quark…]

Resilienza

Il termine “resilienza” deriva dal latino resiliens-entis, participio presente del verbo resilire, che significa “rimbalzare”.

In ecologia e biologia è:

  • la capacità di un materiale di autoripararsi dopo un danno
  • la capacità di una comunità (o di un ecosistema) di ritornare al suo stato iniziale dopo essere stata sottoposta a un qualche disturbo, a una perturbazione che l’ha allontanata da quello stato.

Per gli scienziati del clima, la parola ha un significato affine.
Si parla di resilienza climatica di fronte all’abilità di un sistema di reagire a eventi pericolosi e pressioni, e di riorganizzarsi mantenendo le sue funzioni essenziali, e preservando le capacità di adattamento, apprendimento e trasformazione.

Secondo l’Università di Torino, il concetto di resilienza climatica riferita alla nostra società racchiude al suo interno tre elementi essenziali:

  • la capacità di ridurre la fragilità del sistema di fronte agli impatti del clima, potenziandolo per limitare gli effetti a cascata che derivano dal rischio cui è sottoposto;
  • la capacità di formare gli agenti sociali (es. famiglie, comunità, società civile, imprese, settore pubblico) per anticipare e sviluppare le risposte di adattamento;
  • la capacità di rinforzare e indirizzare le istituzioni attraverso la definizione di norme e regole sociali, fondamentali per orientare e connettere gli agenti e il sistema.
Offerta
Tutto ruota. Viaggio nel mondo dell'economia circolare di Luciano Canova e Fabrizio Iaconetti
Tutte noi de LeROSA conosciamo Luciano per la sua grande sensibilità per il mondo: ascoltarlo, leggerlo, conoscerlo è una delle nostre grandi fortune! Non perdete l'occasione di scoprirlo, insieme a Fabrizio Iaconetti

Decisamente una parola adatta per questi tempi!

[E qui arriva la sigla di chiusura… alla prossima parola!]

0 Condivisioni