Come-scegliere-le-borse-da-moto

Come scegliere le borse da moto

Per scegliere le borse da moto serve conoscere i materiali con cui sono prodotte, le caratteristiche che fanno la differenza e quali tipologie trovi in commercio a seconda dell’uso, nonché del tipo di moto a cui sono destinate.

Nell’equipaggiamento moto, le borse sono uno degli accessori tecnici indispensabili per il motociclista, sia per viaggiare in città che per le lunghe percorrenze. In entrambi i casi devono garantire sicurezza e praticità di utilizzo.

In vendita trovi davvero moltissime tipologie che si differenziano per capacità di carico, destinazione d’uso, tipologia di fissaggio e struttura.

Quindi, come puoi orientarti per scegliere le borse da moto più adatte alle tue esigenze e alla tua moto? Te lo spiego in questo articolo.

Materiali

Per prima cosa considera i diversi materiali con cui sono realizzate. Conoscerli ti aiuterà a identificare quella che risponde meglio ai tuoi bisogni.

I materiali delle borse da moto cambiano a seconda della struttura e si distinguono in tre categorie:

  • rigide
  • semirigide
  • morbide

Le borse rigide da moto sono costruite in alluminio o in plastica: ambedue assorbono bene gli urti, ed essendo solidamente agganciate alla moto tramite telai laterali o posteriori, sono sicure.

Con la loro capienza ampia, diventano dei veri e propri portabagagli utili anche nelle soste brevi in città per riporre borse, abbigliamento tecnico o il casco.

Tra queste rientrano i bauletti posteriori, più comuni su scooter che su motociclette che, se pur meno estetici rispetto ad altre borse da moto, sono molto pratici. Per contro, le borse rigide sono costose e per natura ingombranti, oltre ad aggiungere un maggior peso alla moto.

Le borse morbide da moto sono realizzate in cordura, tessuto in fibra di poliestere molto resistente ad abrasioni e lacerazioni ma poco impermeabile, oppure in materiale plastico a tenuta stagna, completamente impermeabile.

Tra i pregi ci sono leggerezza, economicità e capacità di carico variabile. D’altra parte sono meno stabili se non fissate bene e più soggette ai furti nelle soste se non sotto chiave.

Le borse semirigide da moto ereditano leggerezza e tessuto tecnico delle morbide e la struttura voluminosa delle rigide.

Per scegliere le borse da moto, oltre alla tipologia è importante anche la funzionalità dei dettagli, come ti spiego nel prossimo paragrafo.

Caratteristiche

Un mio consiglio per scegliere le borse da moto è valutarne bene caratteristiche e dettagli perché faranno la differenza quando sarai in viaggio sia dal punto di vista dell’efficienza che della praticità d’uso.

Ti elenco alcune delle più importanti caratteristiche delle borse da moto da tenere presente nella tua scelta:

  • Leggerezza: se viaggi a pieno carico, una borsa più leggera ti farà guadagnare in peso e in agilità.
  • Impermeabilità: proteggi i tuoi indumenti e oggetti dall’acqua. Le borse morbide in cordura spesso sono dotate di un sacchetto estraibile per coprirle in caso di pioggia, anche se non le isola completamente dalle infiltrazioni; quelle a tenuta stagna garantiscono una camera isolante anche grazie alla particolare chiusura “Roll up”, o a rigiro.
  • Volume estensibile: la modulabilità di carico le rende versatili. Utili le zip che ampliano il volume di carico delle borse morbide o semirigide, così come le reti elastiche esterne che permettono il trasporto di ulteriori volumi come ad esempio il casco.
  • Facilità di fissaggio: la presenza di cinghie o ganci a rapido inserimento ridurranno i tempi di preparazione della moto per il viaggio o la rimozione delle borse nelle tue soste.
  • Resistenza al carico: verifica la portata che possono supportare le tue borse al di là del volume disponibile perché un carico non adeguato, specie in velocità, può farle cedere.
  • Facilità di trasporto: meglio se dotate di spalline zaino estraibili, tracolle regolabili e manici removibili per spostare il carico più agevolmente durante le soste.
  • Catarinfrangenti: in condizioni di ridotta visibilità e con il buio, è importante farsi notare anche con elementi riflettenti.
  • Dimensioni: devono essere adeguate al carico e alla moto per non spostare gli equilibri o ridurre la visibilità in viaggio.
  • Struttura interna: tasche con zip per riporre piccoli oggetti e separatori per organizzare il contenuto sono senz’altro apprezzate.

Ora che hai compreso i dettagli utili, puoi valutare le opzioni più compatibili al tuo utilizzo e alla tua moto tenendo conto del tipo di borsa, in modo da scegliere tra borse laterali, posteriori e da serbatoio. Vediamole insieme.

Vuoi farti promuovere ne Le Rosa?

Contattaci

Borse Laterali

In genere sono destinate per il viaggio grazie alla loro capacità di carico e alla stabilità di fissaggio. È frequente vederle montate su moto da touring o enduro stradale, usate proprio per lunghe percorrenze. L’uso in città, sebbene utile, rende meno agili i movimenti nel traffico.

Sono agganciate stabilmente a telai laterali della moto e, nella maggior parte dei casi, non si smontano ad ogni sosta. Nei viaggi di più giorni sono molto utili le borse interne morbide per le borse rigide, in cui riporre indumenti e altri oggetti: durante le soste ti basterà estrarle senza smontare le borse laterali.

Le borse laterali rigide e la maggior parte delle borse laterali morbide da moto sono fissate in modo molto sicuro alla moto, sia ai fini della stabilità che della sicurezza contro i furti. Ti parlerò meglio delle modalità di fissaggio nell’ultima parte di questo articolo, ma in tema di sicurezza stradale devi tenere presente un altro aspetto.

Per prevenire rischi, oltre ad essere solidamente assicurate, le borse laterali devono soddisfare un requisito fondamentale del codice della strada: la dimensione.

Nell’ingombro, la loro sporgenza non deve superare i cinquanta centimetri rispetto all’asse del motoveicolo per non interferire sulla visibilità. Perciò valuta bene il volume più adeguato alla tua moto.

Se vuoi ovviare a questo limite o guadagnare in maneggevolezza, puoi scegliere delle borse moto da fissare dietro di te o davanti. Ti spiego le differenze.

Borse posteriori e da serbatoio

Il bello della moto è l’agilità, e le borse laterali un pochino riducono questo vantaggio. La soluzione è optare per una borsa da fissare sulla sella al posto del passeggero, oppure su un telaio posteriore. In alternativa puoi scegliere borse da moto da serbatoio.

Le borse da sella moto, morbide o semirigide, possono avere capienze molto variabili a seconda dell’uso che vuoi farne: dimensioni contenute per piccoli spostamenti oppure veri e propri bagagli con oltre 50 litri di capacità di carico.

Il vantaggio è che non richiedono strutture fisse da montare sulla moto ma si agganciano e si sganciano tramite i supporti in dotazione.

Quando si viaggia in moto, specie su lunghe percorrenze o più giorni, è sconsigliato l’uso dello zaino in spalla perché affatica la schiena e riduce l’agilità di movimento. La borsa da sella è un ottimo compromesso.

La borsa da serbatoio è pensata per bagagli contenuti proprio per non ostacolare i movimenti durante la guida. Anche se molte di essere sono dotate di zip per l’estensione del volume, di solito non superano i 25-30 litri.

Hanno tasche esterne e comparti interni utili per riporre oggetti recuperabili facilmente, come documenti, chiavi, telefono, telepass o accessori e, frontalmente, molte dispongono di una tasca trasparente impermeabile per posizionare la cartina o il telefono. Possono essere convertite in zainetto per il trasporto durante la sosta e avere l’involucro anti pioggia da usare all’occorrenza.

Come vedi ci sono varie tipologie che possono adattarsi a usi e gusti personali.

Hai trovato la borsa che fa per te? Forse l’hai già identificata, ma ti manca un’ultima cosa: verificare il fissaggio delle borse alla moto.

Fissaggio delle borse

Quando ti trovi a scegliere le borse da moto, non puoi non considerare la modalità di fissaggio.

Ciascuna di queste borse deve essere fissata tenendo conto di tre aspetti:

  • l’anatomia della moto
  • la praticità
  • la sicurezza.

Partendo dal presupposto che, nel rispetto del codice della strada, ogni oggetto deve essere solidamente assicurato al mezzo, è importante sapere come legare una borsa alla moto. Il fissaggio deve garantire una certa stabilità per resistere alle sollecitazioni del terreno e alla velocità di percorrenza.

Le borse laterali da moto, sia rigide che morbide, sono fissate su telai in alluminio, dalle quali è possibile agganciarle e sganciarle con una certa facilità. Questo fissaggio le rende sicure sia per la resistenza durante la marcia, sia perché in molti casi dotato di serratura di sicurezza.

Il telaio deve seguire la forma posteriore della moto e in genere ogni casa motociclistica propone quello specifico per il modello di moto. Diversamente, si possono costruire telai su misura con l’aiuto di un meccanico.

Alcuni modelli di borse laterali morbide invece sfruttano una modalità di fissaggio meno invasiva attraverso cinghie allacciate alla sella. Anche se hanno il vantaggio di non dover montare una struttura fissa, sono per natura meno stabili perché con il peso possono adagiarsi allo scarico e oscillare durante la marcia.

Il fissaggio delle borse da sella invece avviene tramite cinghie da agganciare all’intelaiatura posteriore della moto.

Alcune sono dotate di ganci maschio-femmina, rapidi in fase di montaggio e smontaggio. Altre usano il doppio anello per la regolazione, sistema meno veloce per il posizionamento e la rimozione e meno stabile dei ganci perché le cinghie possono allentarsi con l’andatura. In questo caso sarebbe meglio assicurare la borsa tramite elastici con ganci metallici da legare al telaio o ragni elastici che la avvolgano.

Infine, la borsa serbatoio: il fissaggio varia a seconda del tipo di borsa e del tipo di moto. Uno dei più comuni e meno invasivi è l’aggancio a calamita, ma non tutti i serbatoi sono in metallo e quindi si deve optare per altri tipi di borse: ad esempio quelle con cinghie da attaccare intorno al serbatoio o, meglio ancora, borse moto con sistema Tanklock.

Il Tanklock è un tipo di fissaggio che prevede l’installazione di una flangia specifica montata sul tappo del serbatoio alla quale si aggancia e si sgancia la borsa velocemente con un pulsante.

Come vedi le varianti sono davvero tante. Per ogni viaggio, destinazione d’uso e tipologia di moto c’è la borsa che può fare al caso tuo. Tieni conto delle caratteristiche e soprattutto non trascurare la sicurezza durante il viaggio.

Vuoi scrivere all’espert* di questo articolo?

Contattaci

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email
Ester Memeo

Ester Memeo

Content creator e autrice di due podcast, La Gabbia e Zampe in Famiglia. Milanese dall’animo inquieto, si diverte a scoprire ciò che ancora non sa di essere. La sua natura curiosa e intraprendente la porta a evolvere la sua carriera professionale buttando anima e cuore nella comunicazione. Dopo un master in Digital Marketing e un corso di Narrazione e Storytelling, sceglie la scrittura per il web come SEO copywriter e i contenuti multimediali come podcaster indipendente. In LeRosa scrive di Motociclismo e Podcasting.

LeROSA è il mondo che si basa su tre pilastri: Ascoltare Collaborare Sorridere. Scopri come!

QUESTO BLOG NON COSTITUISCE UNA TESTATA GIORNALISTICA.
NON HA CARATTERE PERIODICO ED È AGGIORNATO SECONDO LE DISPONIBILITÀ E LA REPERIBILITÀ DEI MATERIALI.
PERTANTO NON PUÒ ESSERE CONSIDERATO IN ALCUN MODO UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N.62 DEL 2001.

 

Per conoscere tutte le possibilità di collaborazione e promozione della nostra realtà:

I NOSTRI PARTNER

Scoprirecosebelle è il progetto che si occupa del benessere e la felicità di chi lo segue.

Inkalce Magazine non è una semplice rivista, ma uno strumento di marketing che ha scelto noi per raccontare storie di impresa online.

Sostieni la nostra partnership con Crystal Eye Shop acquistando le opere delle nostre LeROSA artiste stampate su magliette, felpe e accessori


E per conoscere la Founder del progetto LeROSA, Giulia Bezzi, esperta SEO e Content Marketing, scegli i libri nei quali sono presenti i suoi contributi:

Sei dei nostri?

vuoi conoscere le nostre attività? Leggi la nostra newsletter.

Iscriviti ora