Cosa vedere a Tropea

Metti che lo stress ti stia divorando e tu abbia bisogno di staccare un po’, di curarti l’anima con la bellezza: Tropea è il posto giusto. Ma cosa vedere assolutamente a Tropea?

È una cittadina bella e unica, quasi sospesa tra cielo e mare e divisa tra il centro sulla rupe e la sua marina con il porto e le spiagge. Il vero protagonista è però il mare: anche dal centro sto

rico lo puoi vedere e ci sono sette terrazze per questo.

Di certo già sai che Tropea è una meta di turismo internazionale, e di certo un motivo ci sarà. Ti mostrerò che in effetti di motivi ce ne sono tanti, e tutti validi.

Scopriamo insieme come raggiungere Tropea, i luoghi più belli e suggestivi del centro storico e le spiagge più belle. Ti svelerò anche i posti migliori dove mangiare e dove dormire. Sei pronto a partire con me?

Il Centro Storico di Tropea

Quando visito una località la prima cosa che faccio è camminare per le strade, sentire le voci, guardare le persone, percepire l’atmosfera.

Nel centro storico di Tropea si respira un’aria positiva e piacevole. Un posto bellissimo  dove riconciliarsi con l’universo mondo.

Le persone sono accoglienti, calorose, disponibili. E scusa se è poco!

È un paese piccolo, con strade e vicoli, piazzette, con botteghe artigianali dove puoi trovare soprattutto terracotta, tessuti e ferro, oltre naturalmente a bar e ristoranti.

Fra una casetta e l’altra si ergono maestosi i palazzi nobiliari  costruiti nel ‘700 e ‘800, con gli stemmi sui portoni.

Banner la spa del business

Era uso che i nobili trascorressero i periodi caldi in luoghi bellissimi e salutari per il clima, dove costruivano dimore di proprio gusto che dichiarassero immediatamente il proprio status, anche grazie agli stemmi nobiliari ben esposti sui grandi portoni.

Fermati ad osservare Palazzo Toraldo, che conserva anche numerosi reperti archeologici, e Villa Braghò. Li trovi dopo essere passato da Largo Ercole, che è il cuore della cittadina. Si chiama così perché si dice che Tropea sia stata fondata da Ercole. Ed in effetti la sua conformazione ha qualcosa di eroico, che richiama il mito.

C’è qualcosa di speciale da vedere a Tropea. Se continui a camminare d’improvviso trovi quelli che qui vengono chiamati “affacci”, terrazzi che si affacciano direttamente sul mare e ti lasciano senza fiato. I più belli sono Largo Migliarese, Largo Villetta e Largo Galluppi.

Fermati quanto vuoi, la bellezza prende te ed il tuo tempo. In cambio ti  emoziona e ti rinfranca.

A seconda dell’orario Tropea cambia. La mattina puoi trovare i contadini che offrono i prodotti, buonissimi, della loro terra, anche lavorati: via allora alla meravigliosa cipolla, che solo qui è così dolce da aver dato vita ad una marmellata, ma anche uova fresche, salumi tradizionali fatti in casa, olio d’oliva, fichi.

Puoi anche visitare le tante chiese del centro storico: la Cattedrale, la Chiesa di S. Francesco d’Assisi e la sconsacrata Chiesa di S. Maria della Neve.

Se vieni di sera, in estate troverai i ristoranti che espongono il pesce freschissimo che cucineranno per te, le piazzette illuminate, artisti di strada e tanta musica. Se resti abbastanza e sei socievole, in men che non si dica ti ritroverai pieno d’amici, a condividere momenti piacevoli e divertenti.

La Chiesa di S. Maria della Neve

Passeggiando per Tropea ti consiglio di visitare le tante Chiese presenti in paese, a partire dalla chiesa di Santa Maria della Neve.

La trovi in via Carmine, appena fuori dal centro storico. È una chiesa oggi sconsacrata, dove si svolgono eventi culturali e mostre, che conserva opere d’arte al suo interno. Risale al 1500 ed è intitolata, appunto a S. Maria della Neve, come dichiarano efficacemente le statue ai lati del portone, S. Gioacchino e S. Anna. Al suo interno, un altare in legno del ‘700 e dipinti del 1600, assieme ad altre opere di pregio.

Qui a Tropea la chiesa viene chiamata “chiesa della Michelizia”. Questo nome potrebbe derivare dalla contrazione di Michaeli Militia, Chiesa degli Angeli.

C’è però una leggenda che racconta di un commerciante di Messina, Michele Milizia, che durante una tempesta si trovò bloccato col suo vascello al largo di Tropea. Il commerciante pregò intensamente e scorse un lume proveniente dalla rupe, grazie alla cui luce riuscì a mettere in salvo la nave e se stesso. Per ringraziamento decise di costruire una chiesa dedicata alla Madonna.

Nel 2016, durante alcuni lavori di restauro, sotto il pavimento della navata sono state scoperte due camere sepolcrali.

Il Santuario di S. Maria dell’Isola

Il Santuario di Santa Maria dell’Isola è il simbolo di Tropea. Si tratta di un suggestivo Santuario che sorge su un promontorio a picco sul mare. E che mare!

Prima del terremoto e successivo tsunami del 1783 il promontorio era un isolotto: il sisma modificò profondamente l’assetto, e a godere del luogo di culto, grazie alla nuova accessibilità, non furono più solo i monaci.

Si tratta di una Chiesa molto antica, citata già nel 1066, eretta dai Benedettini e ancora oggi appartenente alla Diocesi di Montecassino. In effetti al suo posto c’era un luogo di preghiera risalente al periodo bizantino. Ma torniamo all’oggi.

Il Santuario di S. Maria dell’Isola si erge maestosamente sul promontorio, circondato da macchia mediterranea, in un percorso verde curatissimo arricchito da panchine per poter sostare. Lungo il tragitto c’è un masso sul quale venivano fatti sedere i malati gastrici e si racconta ancora di numerose guarigioni.

Al Santuario si arriva tramite una ripidissima scalinata scavata nel tufo, e lo sforzo vale la pena, sia per partecipare ai riti di culto sia per poter godere del panorama. Dal piazzale esterno, infatti, puoi vedere tutto il litorale. E se guardi verso l’orizzonte puoi vedere nitidamente le Isole Eolie e perfino l’Etna.

All’interno della Chiesa puoi vedere le statue della Sacra Famiglia, collocate sull’altare maggiore, che sono oggetto di culto popolare.

Ogni 15 agosto le statue vengono trasportate a spalla sul mare, portate su una barca davanti al litorale di Tropea. Al tramonto vengono nuovamente issate a spalla e riportate in Chiesa per la Messa e la festa popolare successiva, con i fuochi d’artificio.

La Cattedrale di Maria Santissima di Romania e il Museo Diocesano

Da non perdere sono la Cattedrale di Maria Santissima di Romania e  il Museo Diocesano.

La Cattedrale di Maria Santissima di Romania è il Duomo di Tropea, ma normalmente viene chiamata la Cattedrale Normanna perché fu eretta dai Normanni a fine del 1200 sui resti di un cimitero bizantino. Nel corso dei secoli ha subito diversi restauri e ricostruzioni successivi ai tanti terremoti, ma conserva il tufo giallo con cui è stata costruita all’inizio.

La Madonna di Romania è la protettrice di Tropea e la sua immagine spicca già sulla facciata; l’originale è conservato all’interno, sull’altare maggiore. La Beata Vergine Maria di Romania, dipinta  nel 1230 da un allievo di Giotto, è ritenuto miracoloso in quanto ha protetto la popolazione da terremoti, guerre e malattie.

All’interno un maestoso Crocifisso di legno nero del 1600, un pulpito del ‘700 e la Madonna del Popolo, una scultura realizzata nel 1555 da un frate allievo di Michelangelo.

Di fronte alla Cattedrale Normanna, ospitato presso i locali dell’ex Palazzo Vescovile, il Museo Diocesano ti accoglie con un atrio suggestivo, un ampio ,corridoio in cui si trovano statue marmoree, tra cui S. Pietro e Paolo, ed un trittico del ‘600 con la Madonna delle Grazie, S. Francesco d’Assisi e S. Chiara.

Inaugurato nel 2004, il Museo accoglie anche opere provenienti dalle tante chiese chiuse qui a Tropea, oltre ad opere della Cattedrale.

Al primo piano una serie di dipinti di varie epoche, e potrai qui ammirare due icone davvero bellissime e alcune grandi tele.

Al secondo piano trovi reperti medievali e alcune sale che conservano dipinti della Madonna, anche realizzati da artisti del luogo, tra cui Giuseppe Grimaldi, artista del ‘700.

Offerta
Scopri la Calabria
Innamorati di questa regione e scopri i luoghi più suggestivi con i racconti di Rossella e con questa guida. Un viaggio indimenticabile da Cosenza a Reggio Calabria, passando per Tropea.

Quando visitare Tropea e come raggiungerla

Se ti stai chiedendo quando visitare Tropea, la risposta è: tutto l’anno. Come tutte le località di mare, infatti, gode di un clima temperato. Non è mai troppo calda o troppo fredda.

Se ti piace il mare in inverno, qui potrai godertelo fino in fondo.

A me piace andarci in primavera, da marzo in poi, e fino a giugno. Il caldo in paese è sopportabile, grazie ai suoi 70 metri sopra il mare, ed è piacevolissimo il venticello serale.

A luglio e soprattutto ad agosto il centro storico si anima e si riempie di persone. Passeggiare fra i vicoletti, scoprire le numerose piazzette illluminate e ascoltare la musica degli artisti di strada è un’esperienza appagante che mette allegria.

Da settembre e fino a novembre ci sono ancora bellissime giornate e non è raro poter fare il bagno a mare anche in ottobre.

Passiamo ora ad alcuni consigi su come raggiungere Tropea. Il viaggio non è affatto complicato.

Se vieni in auto, percorri l’Autostrada del Mediterraneo fino a Pizzo Calabro, così magari ne approfitti per gustare il delizioso gelato qui prodotto (ti raccomando la nocciola imbottita), poi imbocca la S.S. per Tropea – Capo Vaticano. In alternativa, puoi uscire a S. Onofrio e seguire le indicazioni per Tropea.

Se preferisci l’aereo, arriva all’aeroporto internazionale di Lamezia Terme e qui trovi il servizio navetta per Tropea. Puoi acquistarlo assieme al biglietto aereo.

Potresti anche arrivare all’aeroporto di Reggio Calabria e da lì, raggiunta la Stazione ferroviaria, prendere il treno. A Tropea c’è la stazione, ma fermano solo i treni locali, per cui informati bene.

Se preferisci usare l’autobus, c’è la linea diretta che arriva a Tropea da Roma.

Le spiagge di Tropea

Se ti trovi a Tropea, non puoi assolutamente perderti le spiagge. Puoi raggiungerle dalle strade e dalle scalinate che partono dal Duomo, dal Rione Borgo, da Largo Galluppi e dal Convento.

La spiaggia della Rotonda si trova proprio sotto la rupe ed è incantevole, bianchissima e con il mare cristallino e limpidissimo. La spiaggia è attrezzata con lidi balneari e centri di noleggio di attrezzature da spiaggia, canoe e pedalò. È molto frequentata.

Poco più avanti trovi la spiaggia di Marina dell’Isola, da qui puoi vedere il Santuario dal mare. È una spiaggia attrezzata, ma trovi anche spiaggia libera. Nei pressi ci sono ristoranti e bar; da qui puoi visitare la Grotta del Palombaro, se sei allenato puoi arrivarci a nuoto, se no puoi raggiungerla comodamente in canoa o pedalò. Qui alla spiaggia di Marina dell’Isola trovi acque meravigliose, trasparenti e profonde, ideali per le immersioni o per lo snorkeling che qui si pratica. Attenzione se hai bambini piccoli.

Se preferisci una spiaggia tranquilla, scegli la spiaggia del Cannone. È più piccola e meno conosciuta poiché si trova dietro il molo turistico, proprio dal molo vi si accede tramite una scalinata.

La spiaggia più grande di Tropea è ‘a linguata, la spiaggia della Linguata: si raggiunge da una scalinata dalla spiaggia di Marina dell’Isola, e la fatica viene ricompensata sia dal magnifico fondale, anche questo perfetto per lo snorkeling, sia dalla presenza di un lido attrezzato, un campo di beach volley e una grande spiaggia libera.

Formata da due rocce bucate che somigliano ad un occhiale, ecco l’omonima spiaggia dell’Occhiale. Qui trovi poca spiaggia e molte piccole baie rocciose da raggiungere a nuoto o con un natante. Vale la pena andare a vedere la Grotta Azzurra, una baia dove i raggi del sole danno riflessi particolari al mare.

Infine, ad un chilometro circa da Tropea trovi la spiaggia Passo Cavaliere: tutta libera, bianca e con il mare sempre cristallino.

Dove mangiare a Tropea

Dove mangiare in questo luogo fantastico?

Se vuoi gustare i meravigliosi cibi del luogo, trattati in maniera gustosa e originale, vai da La Lamia, in Largo Vulcano, un luogo di grande atmosfera. Oltre a piatti della cucina italiana e locale e pesce freschissimo, potrete gustare piatti vegetariani, vegani o senza glutine.

Se vuoi mangiare all’aperto una cucina calabrese, gustare una bella birra e magari sei con il tuo cane, Livasi Food&Store in via Umberto I è il posto giusto per te. Antipasti, assaggi, panini da mangiare prima con gli occhi e poi con la bocca, assieme al tuo peloso.

Se preferisci un ristorante d’atmosfera con ottima cucina di pesce, prova Incipit Restaurant a Largo Galluppi. Oltre alla cucina italiana e piatti di pesce puoi optare per piatti senza glutine e cucina vegetariana.

Dove dormire a Tropea

Per dormire a Tropea c’è davvero l’imbarazzo della scelta: le strutture ricettive si sono moltiplicate per far fronte alle richieste che di anno in anno sono andate crescendo. Dipende quindi molto dalle esigenze personali o familiari.

All’Hotel Colomba d’Oro puoi trovare belle stanze, arredate in modo confortevole e charmant, con molti servizi. Oltre al wifi gratuito, tv a schermo piatto, armadio e scrivania in ogni stanza, l’hotel offre il servizio in camera, la reception aperta 24 ore su 24 e una bella terrazza. Puoi scegliere camere per non fumatori o attrezzate per disabili. Se vuoi fare a meno della macchina, puoi noleggiare qui una bicicletta. La colazione è a scelta: a buffet, continentale e italiana, ma anche vegetariana, vegana e senza glutine. Il bello di questa struttura è anche il luogo in cui si trova: è a 500 metri dalla spiaggia di Marina dell’Isola e alla stessa distanza dal Santuario di S. Maria dell’Isola.

Se preferisci soggiornare nel paese, nei pressi della centrale Piazza Vittorio Veneto, trovi il B&B Vanity con stanze ben arredate in modo confortevole e con letti molto comodi che favoriscono il riposo, minibar, wifi, tv satellitari. La colazione è dolce o salata e puoi consumarla anche in camera. Gli ospiti della struttura accedono alla piscina e alla vasca idromassaggio e la spiaggia è raggiungibile in dieci minuti a piedi. Quando sarà giunto il momento di lasciare Tropea, avrai a disposizione la navetta gratuita per la stazione.

Se preferisci una sistemazione in cui essere autosufficiente per la preparazione dei pasti, La Rosa dei Venti Accomodation fa per te. Questa struttura offre monolocali arredati in stile classico con angolo cottura e un bel giardino in comune. In pochi minuti a piedi puoi raggiungere la spiaggia e sei a 5 minuti a piedi dalla stazione. Al momento dell’arrivo sarai accolto con un grazioso cestino di prodotti per la colazione all’italiana. Per raggiungere l’aeroporto avrai a disposizione una navetta.

Carriereit_Banner_01
Pin
0 Condivisioni