Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile: glossario ambiente

Ecco una nuova definizione per il nostro Glossario Ambiente, piccolo aiuto per la costruzione di un lessico comune su ecologia, sostenibilità e dintorni: parleremo di Agenda 2030.

Certamente vi è capitato spesso, negli ultimi anni, di sentire o leggere qualcosa in proposito. In questo post ne riassumeremo brevemente la storia e i contenuti.

“Un lungo viaggio di mille miglia si comincia col muovere un piede.” (Lao Tse)

Agenda 2030

L’Agenda 2030, o più correttamente “ Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile”, è stata sottoscritta il 25 settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. È un “ programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità ”.

L’Agenda definisce 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals, abbreviato in SDGs) articolati in un programma d’azione che prevede 169 traguardi (targets) da raggiungere appunto entro il 2030.

Con sviluppo sostenibile si intende uno sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i propri.
Richiede l’armonizzazione di tre componenti fondamentali:

  • la crescita economica
  • l’inclusione sociale
  • la tutela dell’ambiente.

Gli SDGs sono obiettivi comuni a tutti i Paesi (indipendentemente dal loro livello di sviluppo) su questioni essenziali per lo sviluppo dell’umanità e per la salvaguardia del pianeta.
Per citarne alcuni:

  • la lotta alla povertà
  • l’eliminazione della fame
  • il contrasto ai cambiamenti climatici.

Perché è importante?

L’approvazione dell’Agenda 2030 ha rappresentato sicuramente un evento storico:

  • per la prima volta è stato espresso un esplicito giudizio sull’insostenibilità ambientale, economica e sociale del nostro modello di sviluppo
  • il concetto di sostenibilità è stato esteso oltre la dimensione puramente ambientale, per integrare appunto quella economica e quella sociale
  • tutti i Paesi sono chiamati a fare la loro parte, nessuno escluso, pur tenendo conto delle diverse problematiche legate ai diversi livelli di sviluppo raggiunti
  • l’attuazione dell’Agenda richiede il pieno coinvolgimento di tutte le componenti della società, fino ai singoli cittadini

Ciascun Paese è valutato periodicamente in sede Onu e dalle opinioni pubbliche nazionali e internazionali.

“La nuova Agenda è una promessa da parte dei leader a tutte le persone in tutto il mondo. È un’Agenda per le persone, per sradicare la povertà in tutte le sue forme, un’Agenda per il pianeta, che è la nostra casa”. (Ban Ki Moon, Segretario Generale delle Nazioni Unite fino al 2016)

Il testo dell’Agenda 2030 è facilmente reperibile online: la versione in italiano, per esempio, è scaricabile tra l’altro dal sito dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (asvis.it), di cui fanno parte più di 230 organizzazioni come università, centri di ricerca, associazioni di imprese, fondazioni, sindacati e reti di istituzioni locali.

Vi auguro di trovare sempre spazio per l’ambiente anche nella vostra agenda.

[Photo by Annie Spratt on Unsplash]

0 Condivisioni