Agenda 2030 dell’ONU per lo sviluppo sostenibile

I 17 obiettivi dell’Agenda 2030 dell’ONU e le tre dimensioni dello sviluppo sostenibile sono una guida verso un futuro più equo ed ecologico.

Mancano pochi anni al 2030. L’Agenda 2030 dell’ONU per lo sviluppo sostenibile è un documento firmato da 193 Paesi al mondo che ci guida, attraverso 17 obiettivi comuni, verso un mondo più equo e sostenibile.

In questo post ti racconto le tre dimensioni dello sviluppo sostenibile e i 17 obiettivi comuni che l’Agenda 2030 dell’ONU prevede di raggiungere entro il 2030.

L'utopia sostenibile
Dopo la lettura dell'articolo della nostra Sabrina Lorenzoni, ti suggeriamo di approfondire l'argomento con questo libro che racconta di come un'utopia ben costruita possa cambiare il mondo

Le tre dimensioni dello sviluppo sostenibile

Di sviluppo sostenibile si inizia a parlare negli Anni Settanta. In quel periodo cominciavano a scarseggiare le risorse energetiche, come il petrolio e per la prima volta nella storia ci si è resi conto che le risorse del Pianeta non sono infinite.

Nasce così l’esigenza di far bilanciare crescita economica e risorse che la Terra ci mette a disposizione, pensando alle generazioni presenti e a quelle future. Gli studiosi iniziano a parlare di sviluppo non solo in termini di economia, ma considerando anche che:

  • la popolazione mondiale sta crescendo
  • la crescita economica è in aumento
  • le risorse del Pianeta sono limitate.

La prima definizione di sviluppo sostenibile nasce nel 1987 grazie alla Commissione Indipendente sull’Ambiente e lo Sviluppo:

“Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere quelli delle generazioni future”.

Questa definizione ufficiale ci aiuta a comprendere il termine sviluppo sostenibile che oggi è molto più conosciuto e utilizzato rispetto agli Anni Settanta.

Prima di parlare di cosa contiene il documento chiamato Agenda 2030 dell’ONU ricordiamoci che quando parliamo di sviluppo sostenibile dobbiamo tenere conto delle tre dimensioni che lo compongono.

Le tre dimensioni dello sviluppo sostenibile sono fondamentali e inscindibili e sono quella:

  • economica;
  • sociale;
  • ambientale,

La dimensione economica dello sviluppo sostenibile tiene conto del capitale economico inteso come capacità di generare reddito e lavoro da parte di ogni individuo. Il lavoro e l’occupazione producono una crescita economica che si misura con appositi indicatori numerici. Il più conosciuto è il PIL, Prodotto Interno Lordo. Questo indice, da solo, non è sufficiente a descrivere in modo completo lo sviluppo di una popolazione: occorre tenere conto anche dei fattori sociali e ambientali.

Banner Bloginrete LeROSA

Lo sviluppo sostenibile ha una dimensione sociale che comprende tutto quello che garantisce il benessere umano: la salute, l’istruzione, la giustizia, la sicurezza. Il benessere umano dovrebbe essere garantito in modo equo per ogni individuo, in ogni luogo del mondo, senza discriminazioni legate all’età, al sesso, alla religione.

La terza dimensione dello sviluppo sostenibile è quella ambientale, cioè la capacità di mantenere in buono stato l’ecosistema e le risorse naturali del Pianeta. Le esigenze di vita dell’uomo, la sua crescita e il suo benessere devono rispettare la natura e la biodiversità ed essere in sintonia con l’ambiente naturale nel quale viviamo.

Agenda2030, i 17 obiettivi

L’Agenda 2030 dell’ONU per lo sviluppo sostenibile è un documento adottato il 25 settembre 2015 dai 193 Paesi che fanno parte dell’Assemblea delle Nazioni Unite. Dagli Anni Settanta in poi numerosi documenti e strategie sono state messe in atto per garantire uno sviluppo sostenibile e quest’ultima Agenda 2030 è il risultato finale che ci guiderà verso il 2030.

L’Agenda 2030 prevede l’attuazione di 17 obiettivi, chiamati in lingua inglese Sustainable Development Goals, SDGs. I 17 obiettivi dell’Agenda 2030 riguardano diversi ambiti della nostra vita e rappresentano traguardi da raggiungere da parte di ognuno dei 193 Paesi firmatari.

Ecco quali sono i 17 obiettivi dell’Agenda 2030 dell’ONU per lo sviluppo sostenibile:

  1. Sconfiggere ogni forma di povertà nel mondo;
  2. Porre fine alla fame nel mondo, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e favorire lo sviluppo di un’agricoltura sostenibile;
  3. Assicurare la salute e il benessere per tuti gli individui, di ogni età;
  4. Fornire un’educazione di qualità, che sia equa ed inclusiva, con opportunità di apprendimento per tutti;
  5. Raggiungere l’uguaglianza di genere, migliorare l’autostima, la consapevolezza, la forza in tutte le donne e le ragazze;
  6. Garantire a tutti la disponibilità di acqua e una sua gestione sostenibile, anche per quanto riguarda le strutture igienico-sanitarie;
  7. Rendere disponibili per tutti l’accesso a sistemi di energia economici, affidabili, sostenibili e moderni;
  8. Promuovere una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, assicurare un’occupazione piena produttiva e un lavoro dignitoso per ogni individuo;
  9. Costruire infrastrutture resilienti, promuovere l’innovazione e un’industrializzazione equa, responsabile e sostenibile;
  10. Ridurre l’ineguaglianza, sia all’interno di ogni nazione che tra una Nazione e l’altra;
  11. Rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili;
  12. Garantire modelli sostenibili di produzione e consumo;
  13. Promuovere azioni, ad ogni livello, per combattere il cambiamento climatico;
  14. Conservare e usare in modo durevole gli oceani, i mari e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile;
  15. Proteggere, ripristinare e favorire un uso sostenibile dell’ecosistema terrestre;
  16. Promuovere pace e giustizia, istituzioni forti;
  17. Rinnovare il partenariato mondiale, rafforzando i mezzi di attuazione per lo sviluppo sostenibile.

Lo sviluppo sostenibile sarà raggiunto quando verranno raggiunti i 17 obiettivi dell’Agenda 2030 dell’ONU. Guardando all’elenco, notiamo come alcuni di questi traguardi riguardano più strettamente l’ambiente, gli ecosistemi e le risorse naturali.

L’acqua è un bene prezioso, non ancora disponibile in modo equo per ogni cittadino del mondo. L’obiettivo 6 dell’Agenda 2030 dell’ONU per lo sviluppo sostenibile invita i singoli Stati a gestire l’acqua in modo sostenibile, a fare manutenzione alle strutture sanitarie in modo da garantire le migliori condizioni igieniche possibili.

Il settimo obiettivo dell’Agenda 2030 dell’ONU riguarda l’energia. Un’energia che sia ecologica, economica, affidabile e moderna in ogni Paese al mondo. Anche in questo caso, numerosi Paesi sono ancora lontani dal raggiungere questo traguardo.

Gli obiettivi 13, 14 e 15 dell’Agenda 2030 sono dedicati al clima, alla Terra e ai suoi ecosistemi.

Offerta
Max salva il pianeta. Come puoi cambiare il mondo a 9 anni (senza fare disastri)
Chi ha detto che cambiare il mondo sia solo un'impresa da grandi? Educhiamo i nostri ragazzi e sensibilizziamoli per avere un futuro migliore

Il cambiamento climatico è al centro del tredicesimo obiettivo dell’Agenda 2030 dell’ONU. Nel 2015 eravamo consapevoli del cambiamento climatico in corso. Oggi siamo tutti convinti che è necessario promuovere ogni azione, ad ogni livello per evitare che gli equilibri della Terra vengano stravolti. Un cambiamento eccessivo del clima provoca disastri per l’ambiente e per l’uomo, costringendo popolazioni intere ad emigrare per trovare territori con un clima migliore.

Nell’obiettivo 14 dell’Agenda 2030 dell’ONU per lo sviluppo sostenibile si parla delle zone della Terra ricoperte di acqua: mari, oceani, risorse marine. Gli ecosistemi di acqua dolce e salata sono una grande ricchezza naturale. Sono ricchi di specie animali e vegetali e vanno utilizzati con cura.

Anche gli ecosistemi terrestri sono importanti per la vita: a loro è stato dedicato l’obiettivo 15 dell’Agenda 2030 dell’ONU per lo sviluppo sostenibile.

Altri obiettivi sono collegati in modo indiretto alla natura e all’ambiente:

  • sicurezza alimentare;
  • agricoltura sostenibile;
  • salute e benessere;
  • città vivibili;
  • modelli sostenibili di produzione e consumo;
  • pace e giustizia.

La pace e la giustizia, così come una sana alimentazione permettono una vita migliore.

Ognuno di noi, nono solo le istituzioni, può agire in modo equo e responsabile per arrivare ad un futuro più sostenibile per ogni cittadino del mondo.

0 Condivisioni