amiche per la pelle recensione

Amiche per la pelle: recensione

Amiche per la pelle di Christopher Pike è il libro perfetto per chi ama i thriller a alta tensione e con un ritmo incalzante. 

Protagoniste sono sei amiche che organizzano uno pigiama party (o Slumber Party, come recita il titolo originale del romanzo) in uno chalet di montagna. Cinque di loro sono amiche di vecchia data; una, invece, è una conoscenza recente e ancora superficiale. 

Una improvvisa bufera di neve rovina il programma del weekend a base di piste da sci e pranzi in rifugio e costringe le ragazze a una convivenza forzata. Strane cose iniziano ad accadere e, come se non bastasse, la casa resta ben presto isolata dal villaggio.

Vuoi farti promuovere ne LeROSA?

Contattaci

Trama di “Amiche per la pelle” di Christopher Pike

Rachel, Mindy, Lara, Dana e Nell sono amiche per la pelle fin dalla prima infanzia e anche ora che frequentano la high school sono inseparabili, pur nella loro diversità.

Rachel e Lara si contendono il titolo di reginetta di bellezza della scuola. E’ indubbio che tra loro ci sia competizione, ma l’educazione e l’affetto reciproco impediscono che si trasformi in aperta rivalità. Entrambe hanno un’amica del cuore a cui si confidano. Rachel ha Mindy, sciocca e lamentosa; Lara ha Dana e da qualche tempo anche Celeste, di cui si sa poco o nulla, perché è arrivata in città all’inizio dell’anno scolastico. 

Nell è la figlia dei proprietari dello chalet. I genitori esaudiscono ogni suo desiderio, soprattutto dopo la tragica morte di sua sorella. Durante un pigiama party avvenuto otto anni prima la piccola Nicole venne investita da una fiammata e morì senza mai aver ripreso conoscenza. Il suo volto era stato così sfigurato che era stata sepolta nella massima riservatezza, senza che a nessuno fosse permesso di vederla per l’ultima volta.

Incredibilmente, i tragici fatti di tanti anni prima sembrano destinati a ripresentarsi. Dana scompare senza lasciare traccia di sé e nel luogo in cui vengono ritrovati i suoi sci viene trovata una manciata di cenere e ossa. 

Nel frattempo, scoppia una terribile tormenta e le ragazze sono costrette a chiudersi in casa. Accadono strani fenomeni. Col passare delle ore la tensione aumenta e con essa le rivendicazioni, le recriminazioni, i sospetti.

Nel corso di una notte angosciante, l’equilibrio psicologico ed emotivo delle ragazze sembra vacillare: ognuna di loro sospetta tutte le altre della responsabilità della sparizione di Dana e della morte di Nicole e tutte temono per la propria incolumità.

Ma chi manipola gli eventi a proprio piacere, e perché? 

La nostra recensione

“Amiche per la pelle” è un thriller ben congegnato, in cui gli elementi del giallo classico e del mistery si intrecciano pagina dopo pagina. 

Al di là della forma narrativa, in questo romanzo l’autore scandaglia il sentimento dell’amicizia tra adolescenti, che ricorre in gran parte della sua produzione letteraria. 

La domanda narrativa da cui prende avvio la storia è chiara. Può esistere una vera amicizia tra adolescenti carine, intelligenti e spiritose oppure interverrà qualcosa a rovinare le relazioni interpersonali?

Capitolo dopo capitolo, l’autore dissemina nel testo varie prove che minano il sentimento esistente tra le ragazze: la competizione per il titolo di “più bella del liceo”, l’attrazione per lo stesso ragazzo, la gelosia e soprattutto il rancore e il desiderio di vendetta.

Mentre tutte abbozzano sospese tra convenienza e opportunismo, toccherà a una di loro, la più coraggiosa, aprire gli occhi e fare i conti con la realtà, per quanto orribile possa essere.

“Amiche per la pelle” è edito dalla casa editrice Bur ragazzi ed è consigliato a ragazzi dai 14 anni. La tensione narrativa e il ritmo incalzante lo rendono godibile anche dagli adulti amanti del genere.

Vuoi scrivere all’espert* di questo articolo?

Contattaci


Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email
Francesca Fughelli

Francesca Fughelli

Mi occupo di comunicazione online efficace e coinvolgente per biblioteche, archivi storici e istituzioni culturali. Per molti anni mi sono occupata della sala ragazzi di una biblioteca di pubblica lettura. Da quell’esperienza è nato il mio blog Libringioco in cui racconto e recensisco i libri per ragazzi che leggo. Nel tempo libero scrivo, cucino, viaggio e vado a zonzo col cane.