Effetto serra: glossario ambiente

Eccoci a un nuovo appuntamento con il Glossario Ambiente de LeROSA: in questo post parleremo di effetto serra.

Chi coltiva l’amicizia con calore tenga conto dell’effetto serra. (Dino Basili)

Lo scopo di questa rubrica è contribuire alla costruzione di un lessico condiviso che ci aiuti a fare scelte consapevoli nel nostro rapporto con l’ambiente, sia come persone singole sia come comunità.

Non a caso, il benessere del territorio è uno degli obiettivi principali del progetto LeROSA.

Effetto serra

Di “effetto serra” (in inglese “greenhouse effect”) tendiamo a parlare sempre con una connotazione negativa, nel contesto del riscaldamento globale e dei cambiamenti climatici.

In realtà, l’effetto serra è un fenomeno naturale e di per sé positivo.
Se non esistesse, la temperatura media del nostro pianeta scenderebbe intorno ai 18 gradi sottozero, anziché gli attuali 14-15 gradi sopra lo zero. Questo metterebbe a rischio la sopravvivenza della nostra specie, e di molte altre.

Vediamo come funziona, e cosa ne compromette l’equilibrio.

La terra è avvolta dall’atmosfera, che a sua volta è composta da diversi gas.
Alcuni di essi, come

  • l’anidride carbonica o diossido di carbonio (CO2),
  • il metano (CH4),
  • l’ozono (O3),
  • l’ossido di diazoto (N2O),

assieme al vapore acqueo (H2O), producono appunto l’effetto serra . In pratica: fanno sì che l’atmosfera attorno al nostro pianeta assorba, mantenga e rilasci l’umidità e il calore dei raggi del sole, garantendo un equilibrio. Questo equilibrio rende possibile la vita sulla terra.

Dalla rivoluzione industriale in poi, le attività antropiche (cioè di noi esseri umani) hanno prodotto un incremento eccessivo di questi gas, in particolare della CO2.

Buona parte di questo incremento è causato dai combustibili fossili, e spezza l’equilibrio, rendendo eccessivo lo “scudo” fornito dall’effetto serra.

La dispersione del calore dal nostro pianeta è quindi ridotta. Ciò provoca un generale aumento delle temperature terrestri, a partire dagli oceani: il tristemente famoso riscaldamento globale, all’origine appunto dei cambiamenti climatici.

C’è un solo modo per ripristinare l’equilibrio dell’effetto serra: ridurre le emissioni di gas prodotte dalle nostre attività e soprattutto dall’uso di combustibili fossili.

È sicuramente un impegno che coinvolge in primo luogo chi governa i Paesi del mondo.
Ma in realtà siamo coinvolti tutti: il nostro stile di vita e le nostre scelte di consumo, hanno un peso sull’ambiente che ci circonda.

La buona notizia? Anche se sappiamo che una vita a impatto zero è quasi impossibile, tutti noi abbiamo il potere di orientare le nostre scelte a favore del nostro pianeta.

[Photo by Markus Voetter on Unsplash]

0 Condivisioni