Oli essenziali: come usarli per i cani

Gli oli essenziali vengono sempre più utilizzati anche per i nostri cani, in quanto rimedi naturali ed efficaci.

Hanno infatti una valenza terapeutica, sia a livello di disturbi fisici sia per problematiche emotivo-comportamentali.

Vediamo insieme come usarli nel modo più sicuro sui cani. Scegliendo sempre oli essenziali biologici e di ottima qualità, sei sicuro di avere in mano un prodotto 100% naturale. La naturalità del prodotto non corrisponde però al fatto che siano innocui e privi di effetti secondari o della possibilità di essere nocivi per i cani, come vedremo tra poco.

Possono essere utilizzati per risolvere un malessere emotivo che affligge il tuo cane, ad esempio provare a ridurre lo stress nell’affrontare il veterinario o il toelettatore. Oppure può servire per prevenire un problema, come nel caso di produzione di antiparassitari naturali. O ancora per risolvere un problema e poi procedere con azioni di mantenimento dello stato di salute del cane, come nel caso della pulizia delle orecchie.

In base al problema che vogliamo risolvere, gli oli essenziali possono essere somministrati per semplice inalazione, per ingestione oppure applicati sulla cute e sul pelo dei cani.

Gli oli essenziali sono sicuri per i cani?

Per utilizzare gli oli essenziali in totale sicurezza sui cani è necessario:

  • Scegliere oli biologici puri al 100%.
  • Diluirli sempre in un vettore prima di utilizzarli.
  • Non applicare mai l’olio essenziale puro sulla cute del cane.
  • Evitare accuratamente occhi, naso e mucose e le zone circostanti.
  • Applicare secondo il dosaggio consigliato e non eccedere mai nell’applicazione.
  • Utilizzare con cautela gli oli essenziali sui cani anziani, sui cuccioli e sulle femmine gravide.
  • Non utilizzarli se il cane sta assumendo medicinali, in questo caso consultare prima il veterinario.
  • Verificare sempre la reazione del cane all’odore dell’olio per valutare se quell’essenza può essere gradita oppure no.

Utilizzandoli correttamente, non solo sono sicuri, ma sono anche utili ed efficaci.

Uso corretto degli oli essenziali 

Essendo composti molto concentrati, una sola goccia diluita può essere più che sufficiente per risolvere il problema del cane.

Come accennato poco sopra, gli oli essenziali vanno sempre diluiti in un vettore prima di essere utilizzati sui cani.

Un buon vettore per diluire gli oli essenziali è rappresentato da un olio vegetale, come l’olio di cocco, l’olio di neem, l’olio di mandorle dolci o il semplice olio di semi di girasole. È possibile utilizzare anche del gel di aloe o dell’aceto.

Un’ulteriore alternativa è la diluizione nello shampoo per il lavaggio del cane. Utilizza solo shampoo naturali. L’aggiunta dell’olio essenziale andrà a migliorarne e rinforzarne le caratteristiche. Due o tre gocce nel flacone da 250 ml sono più che sufficienti.

Essendo sostanze oleose non possono essere diluiti direttamente in acqua, in cui tenderanno a galleggiare senza mischiarsi. L’utilizzo dell’aceto diluito in acqua può favorire la miscelazione degli oli essenziali in caso di produzione di spray antiparassitari o deodoranti.

Quando decidi di applicare un prodotto a base di oli essenziali sul tuo cane, tieni sempre in considerazione le sue dimensioni.

Con i cani di piccola taglia il rischio di sovradosaggio è molto elevato. Per loro è doveroso applicare delle diluizioni maggiori, associando l’ulteriore accortezza di ridurre anche la frequenza di applicazione.

Se invece segli di diffondere un olio essenziale all’interno di un ambiente per aiutare il tuo cane a rilassarsi, lasciagli sempre la possibilità di allontanarsi o uscire dalla stanza nel momento in cui non gradisce l’essenza che stai diffondendo. Un ulteriore accorgimento è quello di tenere sempre una finestra aperta, così da ridurre la concentrazione dell’olio essenziale in diffusione.

Così facendo eviterai al tuo cane rischi di sovradosaggio e spiacevoli effetti secondari.

La regola più importante è quella di non lasciarsi mai prendere la mano e abbondare con le dosi, sulla base del fatto che sono prodotti naturali e quindi commettere l’errore di considerarli innocui.

Se fossero innocui non potrebbero avere nemmeno l’effetto terapeutico che invece dimostrano di avere, di conseguenza è bene utilizzarli con l’attenzione e la cura che meritano.

Quali sono gli oli essenziali pericolosi per i cani?

Partiamo dal presupposto che, in caso di sovradosaggio, qualunque olio essenziale può essere pericoloso. È la dose che fa la pericolosità degli oli essenziali per i cani.

È possibile vedere reazioni quali agitazione, irritazione, comportamenti mai evidenziati prima, nel momento in cui abbiamo esagerato con le dosi. Questo vale sia in caso di applicazione sulla cute che in caso di inalazione di un olio essenziale messo in diffusione.

Esistono comunque una serie di oli essenziali che è meglio evitare per l’alta tossicità che possono avere. Tra questi ci sono:

  • Betulla
  • Mandorla amara
  • Wintergreen
  • Menta poleggio
  • Assenzio
  • Tuia
  • Canfora
  • Boldo
  • Calamo

Questi oli essenziali possono essere tossici per i cani anche se diluiti.

Per tutti gli altri ti ricordo di rispettare sempre le regole di sicurezza diluendo adeguatamente l’olio essenziale che vuoi utilizzare. Presta sempre la massima attenzione a quelle che sono le risposte del tuo cane anche solo all’odore dell’essenza che vuoi utilizzare e rispetta la posologia in base alle sue dimensioni.

0 Condivisioni