Cosa vedere a Roma

Chiudi gli occhi ed immagina di camminare spensieratamente, senza una meta, tra vie cittadine. La testa sempre all’insù, con la bocca aperta dallo stupore, alla vista di opere d’arte incredibili e uniche. Ad ogni angolo, anche nascosto e apparentemente insignificante, puoi ammirare scorci magici, un vero museo a cielo aperto. Persone ovunque in torno a te, con le stesse espressioni e volti felici. Lasciati travolgere da quest’atmosfera frizzante e goditi il viaggio. Un tour che questa volta faremo insieme alla scoperta di cosa vedere a Roma, la “città eterna”.

In questo articolo, proverò a raccontarti cosa vedere a Roma per rendere indimenticabile la tua esperienza. Orientarsi tra le numerose bellezze di questa grandiosa città è una sfida piuttosto complessa, soprattutto se si ha poco tempo a disposizione. Pensa che solo Roma, possiede il 70% dei siti Patrimonio dell’Unesco in Italia, un numero alquanto impressionante. Ci sono però alcuni punti di riferimento immancabili, che devi assolutamente visitare. Ne citerò solo alcuni, ma credimi, ogni volta che ci tornerai sarà come la prima volta.

  • Il Colosseo, simbolo di Roma
  • Piazza Venezia e il Vittoriano
  • Piazza di Spagna
  • Piazza Navona
  • Piazza del Popolo
  • Piazza del Campidoglio
  • Piazza di Trevi e la Fontana di Trevi
  • Il Pantheon
  • I Fori: Foro Romano e Fori Imperiali
  • La Basilica di San Pietro e i Musei Vaticani con la famosissima Cappella Sistina
  • Castel Sant’Angelo
  • Colle Palatino e Circo Massimo
  • Villa e Galleria Borghese

Le attrazioni, i monumenti, i tesori custoditi da visitare a Roma sono veramente numerosi e di grande valore storico, artistico e culturale. Preservarli è compito anche di noi turisti, per consentire alle generazioni future di godere di questa immensità. Il mio consiglio infatti è quello di viaggiare in modo responsabile, rispettando l’ambiente e sostenendo l’economia locale.

Viaggiare è infatti un’esperienza unica, che arricchisce profondamente. Conoscere le tradizioni locali ed entrare in contatto con i romani stessi ti farà vivere la città sotto una luce diversa e più autentica. Partecipa a tour della città organizzati da guide locali preparate, scopri i segreti e le antiche tradizioni, visita le botteghe artigiane e prova i prodotti locali. E soprattutto, utilizza mezzi green, bicicletta, Tuk Tuk, Segway o semplicemente muoviti a piedi. Questo è il modo migliore per promuovere un turismo sostenibile.

cosa-vedere-roma-fontana-trevi

Le piazze di Roma e le loro fontane

L’anima e la storia di Roma si respirano soprattutto nelle sue piazze, tra monumenti, fontane barocche e chiese antiche. Sono luoghi di incontro e scambio che accompagnano la vita di tutti i giorni della capitale, vivaci, colorate e romantiche.

Ho scelto di raccontarvi le più grandi piazze di Roma, le più suggestive e conosciute al mondo. Partiamo da Piazza di Trevi con la sua fontana. Questa meta non ha bisogno di tante presentazioni, resa celebre dal famoso film cult La Dolce Vita di Fellini, è una delle mete principali dei turisti di tutto il mondo.

Piazza di Spagna con la famosa Fontana della Bercaccia del Bernini, è un altro luogo iconico di Roma. La piazza ha da secoli attirato artisti e letterati, affascinati dal suo abbagliante splendore. Ma a rendere famoso questo luogo è l’elegante e scenografica Scalinata di Trinità dei Monti: 136 gradini colorati di rosa da bellissime azalee, che raggiungono una terrazza con una vista panoramica mozzafiato sulla città.

cosa-vedere-roma-piazza-spagna
In cima alla scalinata potrai visitare la Chiesa e attraverso Viale della Trinità dei Monti arrivare alla Terrazza del Pincio, da cui godere di un’altra bellissima veduta su Roma. Scendendo da questo splendido punto panoramico, puoi raggiungerai facilmente Piazza del Popolo.

Questa piazza è il punto di partenza di 3 arterie principali di Roma: Via del Corso per gli amanti dello shopping, Via di Ripetta che conduce a Piazza Navona e al Pantheon e Via del Babuino. Da qui, puoi inoltre ammirare due chiese gemelle Santa Maria in Montesanto e Santa Maria dei Miracoli, la basilica di Santa Maria del Popolo e la grande fontana con l’Obelisco Flaminio, uno dei più alti e antichi di Roma.

Opposta a Piazza del Popolo, in cima a via del Corso e ai piedi del Campidoglio, trovi un’altra piazza imperdibile, Piazza Venezia. È il cuore pulsante della città, punto di affluenza del traffico cittadino e dei numerosi turisti attratti da queste meraviglie. Qui puoi ammirare l’imponente Monumento a Vittorio Emanuele II, in stile neoclassico, conosciuto come Altare della Patria.

Banner la spa del business

Simbolo dell’Unità d’Italia negli ultimi due secoli, ospita al centro la salma del Milite Ignoto, in onore dei soldati caduti nella I Guerra Mondiale e non identificati. Ma le bellezze non sono terminate, oltre a questo glorioso edificio puoi visitare Palazzo Venezia, che accoglie il Museo Nazionale del Palazzo di Venezia, Palazzo delle Assicurazioni Generali e l’Istituto Nazionale d’Archeologia e Storia dell’Arte.

Proseguendo poi per il centro di Roma, sarà naturale infine imbattersi in Piazza Navona, anch’essa con la sua Fontana dei Quattro Fiumi del Bernini, il maestoso Palazzo Pamphilj e la splendida Chiesa di Sant’Agnese in Agone. Simbolo del barocco romano, è un’isola pedonale dove si esibiscono artisti di strada e dove fare una pausa in uno dei suoi caffè. La forma ricorda lo Stadio di Domiziano, costruito nell’85 d.C. dall’omonimo Imperatore, di cui ancora si possono osservare i resti.

cosa-vedere-roma-fori

I Fori di Roma

Un capitolo a parte meriterebbero i Fori di Roma, in cui vivere un incredibile viaggio nel tempo nell’antica Roma. Per immergerti completamente nell’atmosfera unica ed emozionale di questo sito, ti consiglio di partecipare ad una visita guidata, che ti offrirà un racconto ricco di informazioni storiche e scientifiche, per assaporare al meglio l’area.

Nell’area archeologica tra Piazza Venezia e il Colosseo si sviluppano:

  • il complesso dei Fori Imperiali lungo la Via dei Fori Imperiali, costruita dal dittatore Mussolini: Foro di Cesare, Foro di Augusto, Foro di Nerva, Foro di Traiano e Foro della Pace;
  • il complesso del Foro Romano, l’antico Foro repubblicano, parte del Parco Archeologico del Colosseo.

Si tratta del complesso architettonico più importante al mondo. Rappresentava il centro della vita cittadina e dell’attività politiche di tutto l’Impero Romano. Folle di romani si riunivano per comizi, per assistere i condottieri in festosa parata con i prigionieri incatenati alle ruote dei carri, venivano celebrati processi e prese decisioni che riguardavano gli affari, l’amministrazione e la politica dell’impero.

Un luogo che nel corso degli anni si è arricchito di piazze, monumenti di prestigio, edifici civili, politici, religiosi e commerciali, realizzati in 150 anni, tra il 46 a.C. al 113 d.C.

È la celebrazione del potere e della grandezza di Roma ma anche del suo lato crudele, che si manifestava con i giochi circensi che si svolgevano al Colosseo e in tutti gli altri anfiteatri presenti nei municipi romani. Sono i famosi combattimenti, che tutti noi conosciamo, tra gladiatori, ma anche tra belve o tra condannati a morte e animali.

Curioso sapere che la zona originariamente era occupata da paludi, una zona umida, pianeggiante ed erbosa, non certo idonea a costruire templi e basiliche. Con la bonifica nel VII secolo a.C. l’area si trasformò completamente. Fu realizzato infatti uno dei primi e più grandi sistemi fognari mai costruito al mondo, che scaricava i rifiuti nel Tevere.

Offerta
Roma. Dentro lo smartphone, a piedi e quasi gratis
Roma non è una città qualunque e questa non è guida qualunque. Anche perché il suo autore, Fabrizio Politi, influencer, è un vero romano de Roma

Con il crollo dell’Impero Romano, l’area fu abbandonata e oggetto di frequenti cambi di destinazione d’uso. Nel XVI secolo fu completamente interrato ed utilizzato stabilmente, per quasi 1000 anni, come campo di pascolo per i bovini, chiamato Campo Vaccino.

cosa-vedere-roma-basilica-san-pietro

Le Chiese di Roma

Roma è la città al mondo con più chiese, sono più di 900 gli edifici religiosi che disegnano l’architettura e il paesaggio della capitale. Personalmente ritengo che un capolavoro assoluto sia la Basilica di San Pietro, inserita infatti nel Patrimonio dell’umanità UNESCO. Si tratta della più grandi chiese al mondo per dimensioni, ma anche per importanza, considerata simbolo universale della Cristianità, nonché dimora del Papa. Ogni volta che la si visita regala emozioni travolgenti.

Nonostante la sua magnificenza architettonica, la Basilica di San Pietro è la chiesa di tutti, un luogo familiare in cui i pellegrini, giunti da ogni angolo del mondo, si riuniscono in preghiera. L’imponente colonnato realizzato da Bernini, nella monumentale Piazza San Pietro dove erge la chiesa, è un abbraccio di fede. Un’immagine forte di due braccia che accolgono maternamente tutti fedeli, in modo inclusivo.

La Basilica sorge intorno alla tomba dell’apostolo Pietro, un monumento modesto ma fondamento di questa chiesa, ed è caratterizzata dall’iconica cupola realizzata da Michelangelo. Al suo interno si possono ammirare tesori d’arte dei grandi maestri dell’epoca, come Bramante, Raffaello, Pirro Ligorio, Michelangelo e Bernini. Per citarne solo alcuni, la Basilica di San Pietro custodisce:

  • La Pietà di Michelangelo Buonarroti, il famoso gruppo marmoreo raffigurante Maria nell’atto di sostenere il corpo di Cristo. Il primo vero capolavoro del genio dell’artista.
  • Il Baldacchino di San Pietro, di Gian Lorenzo Bernini e Borromini, posto esattamente sotto la cupola. Indica infatti il punto di sepoltura di Pietro, il primo Papa della Chiesa cattolica. Una delle più importanti opere in stile barocco italiano considerando la sua complessità.
  • La Tomba di Giovanni Paolo II, dove riposa il papa più amato di tutti i tempi, sotto i mosaici della Cappella di San Sebastiano.
  • La Cattedra di San Pietro, una struttura barocca in bronzo dorato, ricca di putti e angeli, che rappresenta il trono di vescovi o papi.
  • Le Grotte Vaticane al di sotto della navata centrale. Sono l’unione tra l’attuale e la vecchia basilica costantiniana, rimasta in piedi fino al XIV secolo.

A pochi passi dalla Basilica di San Pietro ti consiglio di fare una visita anche ai Musei Vaticani, custodi di opere d’arte raccolte per più di 5 secoli dalla Chiesa Cattolica.

Proseguendo invece il nostro tour alla scoperta delle chiese di Roma, ci lasciamo alle spalle la Basilica di San Pietro per camminare lungo Via della Conciliazione. Qui troviamo Castel Sant’Angelo, costruito dall’imperatore Adriano come mausoleo funebre personale e di famiglia. Questo edificio subì una serie infinita di trasformazioni: da monumento funerario si trasforma in edificio militare, da carcere in dimora rinascimentale e da prigione risorgimentale a museo. Dal XI secolo divenne infatti di proprietà dei papi e connesso con la Città del Vaticano tramite il Passetto, un lungo corridoio fortificato.

Una citazione di rilievo merita infine il Pantheon, che ammiriamo integro in tutta la sua bellezza. Inizialmente un tempio pagano dedicato a tutte le divinità romane, dal VII secolo ad oggi divenne una chiesa: la Basilica di Santa Maria ad Martyres.

Quando visitare Roma e come raggiungerla

Roma è magica in qualsiasi periodo dell’anno, ma immagino ti starai chiedendo quand’è il periodo migliore per visitarla. Per ridurre il sovraffollamento che la contraddistingue soprattutto in estate, dovuto alle folle di turisti che giungono da ogni parte del mondo, ti consiglio di visitarla durante la bassa e la mezza stagione, ovvero in primavera e in autunno.

In questi periodi puoi sfruttare temperature miti e più gradevoli, paesaggi unici e colorati, tariffe hotel più convenienti e sicuramente, visitare la città ed accedere alle attrazioni e ai monumenti principali sarà molto più agevole.

Infine, per un turismo sostenibile e responsabile, la soluzione migliore e comoda per raggiungere Roma è il treno. La Capitale offre un’articolata rete ferroviaria nazionale che collega la città con il resto d’Italia e non solo. In particolare, la città è servita da 2 stazioni ferroviarie principali: Stazione di Roma Termini, in pieno centro, dove fanno capolinea treni regionali a lunga percorrenza, ed internazionali ad alta velocità, e la Stazione di Roma Tiburtina, in periferia, dove si fermano solo i treni ad alta velocità.

Da entrambe le stazioni passano le linee della metropolitana che collegano i vari quartieri. All’interno della città l’auto è infatti assolutamente sconsigliata: alto traffico, zona ZTL più grande d’Europa, manto stradale incerto, problemi di parcheggio e soprattutto inquinamento sono all’ordine del giorno. Ci si può muovere liberamente con i mezzi pubblici o green (come il Tuk Tuk, il Segway o il monopattino) e soprattutto a piedi. L’importante è sapersi organizzare, visitando le attrazioni principali presenti in una determinata zona e spostandosi da un’area all’altra con la metro.

Per completezza, è importante ricordare che Roma dispone anche di 2 aeroporti internazionali: l’aeroporto “Leonardo da Vinci” di Fiumicino e l’aeroporto “G.B. Pastine” di Ciampino, punto di riferimento per i voli low cost. Il centro città è raggiungibile da Ciampino tramite un servizio pullman e da Fiumicino con il Treno Leonardo Express, ogni 30 minuti circa. Per cui, cosa stai aspettando? Parti subito alla scoperta di questa meravigliosa città d’arte!

Carriereit_Banner_01
Pin
0 Condivisioni